EDITORIALE TS- ARBITRI, QUANTI TORTI! CERCASI BOMBER, NUMERI DA BRIVIDI CON VENTURA

30.11.2019 23:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/Tuttosaleritana.com
EDITORIALE TS- ARBITRI, QUANTI TORTI! CERCASI BOMBER, NUMERI DA BRIVIDI CON VENTURA

Tanto tuonò che piovve. La Salernitana sbotta e protesta ufficialmente nei confronti della classe arbitrale che, conti alla mano, ha sottratto almeno cinque legittimi punti alla classifica dei granata. Non è un alibi, sia chiaro: alla base del calo di rendimento ci sono le scelte dell'allenatore, la scarsa vena del reparto offensivo e la consueta incapacità di chiudere partite teoricamente alla portata. Subire gol all'Arechi per tutto il 2019, inoltre, è un record negativo storico che dovrebbe far riflettere, sebbene oggi ci fosse un'emergenza totale e il terzetto se la sia cavata discretamente bene. Quando, però, si annulla un gol come quello di Gondo e si ripensa ai fatti di Venezia, Livorno, Cremona ed Entella non si può non pensare a male. Non cattiva fede, sia chiaro, ma la scarsa capacità di alcuni fischietti che fanno danni in giro per l'Italia in barba a quelle società che investono tanti soldi e meriterebbero rispetto. Nelle sedi opportune Claudio Lotito e Marco Mezzaroma alzeranno la voce, anche il direttore generale Angelo Fabiani ha lasciato lo stadio furioso e ha imposto il silenzio stampa anche per evitare dichiarazioni a caldo che potessero comportare una squalifica.

Quanto all'aspetto tecnico, è evidente a chiunque che a questa squadra manchi un attaccante forte. Lamin Jallow continua a deludere, non si possono pretendere i gol playoff da Gondo e Djuric, al netto di un impegno straordinario, bomber non è mai stato. Il Moncini di turno, tanto per intenderci, altrimenti il rischio concreto è quello di doversi guardare alle spalle ancor di più per un calendario di fuoco fino a febbraio. Anche Ventura ha le sue responsabilità. Si fosse chiamato Menichini, Bollini o Gregucci sarebbe stato sportivamente parlando crocifisso dopo una vittoria in otto partite e con dichiarazioni in sala stampa che sanno tanto di scuse e che non riescono a spiegare i motivi di una crisi profonda e del calo di un gruppo che ha perso anche cattiveria agonistica. Meno filosofia e più fatti, mister! Se è stato scelto lei è per avere un valore aggiunto che, ad oggi, è stato soltanto teorico.