EX GRANATA: Di Vicino riparte dall'estero

11.02.2015 19:30 di Lino Grimaldi Avino  articolo letto 1635 volte
EX GRANATA: Di Vicino riparte dall'estero

Giorgio Di Vicino, 34 anni, per i salernitani semplicemente chiamato Re Giorgio, ricomincia dall’Estonia. E’ infatti di oggi la notizia, riportata da tuttomercatoweb, che l’attaccante, nativo di Pianura, ha firmato un contratto con scadenza novembre 2015 con il Sillamae Kalev, squadra che milita nel Meistriliiga, la serie A estone che avrà il suo via il prossimo 7 marzo. La sua ultima squadra italiana era stata l’Aversa Normanna fino all’estate scorsa. Si era poi aggiunto al gruppo della squadra estone in un periodo di prova, riuscendo a strappare quindi la firma sul contratto.

Di Vicino deve parte della sua fortuna a Zdenek Zeman che lo volle in prima squadra dopo tutta la trafila nelle giovanili del Napoli e soprattutto dopo la rete segnata in amichevole allo stadio “Bernabeu” contro il Real Madrid. Dopo l’esonero del boemo fu ceduto in prestito, ed è da questo punto che la strada del ragazzo di Pianura iniziò a prendere la direzione di Salerno, città della quale indosserà in tre occasioni diverse la maglia: la prima volta in serie B dopo ritrova il suo mentore Zeman, poi, dopo un prestito al Lecce, squadra con la quale conquista la serie A, torna a Salerno, trovando questa volta l’esordente Stefano Pioli in panca ancora in serie B. L’ultima volta fu in serie C1, sempre in prestito, nell’occasione indossò anche la fascia di capitano.

I tifosi granata, molto legati a Giorgio Di Vicino, sono tanti i ricordi legati al suo mancino e ai suoi salti dopo ogni gol: si presentò ai supporter siglando la prima delle due reti con le quali i granata sbancarono Terni, andò a segno anche nel turno successivo nel pari di Reggio Calabria, poi la straordinaria doppietta messa a segno al Bari, e altre due doppiette, ancora alla Ternana e nella rimonta al Cagliari. Andò ancora a segno nel 2-0 al Torino e un suo gol diede i tre punti al stadio “Ferraris” contro il Genoa. E senza di lui “Lazzaro al 94°” non sarebbe mai esistito, infatti l’attaccante argentino ricevette palla da un tiro di Di Vicino rimbalzato dal palo in un rocambolesco Napoli-Salernitana del campionato di serie B 2001-2002.

Di Vicino rientra in quella ristretta cerchia di calciatori che hanno vestito la maglia granata della quale i tifosi conservano splendidi ricordi.