MERCATO: Salernitana, il punto della situazione in entrata

08.08.2019 12:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
MERCATO: Salernitana, il punto della situazione in entrata

Dopo aver ufficializzato l'ingaggio del difensore Paweł Jaroszyński e in attesa di depositare il contratto già firmato del fantasista Alessio Cerci (che in mattinata ha svolto le visite mediche), la Salernitana si concederà una pausa di riflessione. Domenica, infatti, si gioca la prima partita ufficiale e c'è la volontà di non distrarre una squadra chiamata a riportare la gente dalla propria parte a suon di risultati e prestazioni. Ad ogni modo la sensazione è che non arriverà nessun altro calciatore di valore almeno fino alla settimana pre Pescara, dal momento che mister Ventura vuole valutare la rosa ancora per una decina di giorni prima di stilare una nuova e definitiva lista di promossi e bocciati. Inciderà molto anche la scelta definitiva del modulo: andando avanti col 3-5-2, tanto per fare un esempio, Cristiano Lombardi sarebbe considerato l'esterno di destra e non ci sarebbe urgenza di sostituire Raffaele Pucino, almeno nelle idee di una società che continua a smentire l'interesse per Andrea Rispoli. 

Stesso discorso per Matteo Bianchetti, per il quale non è stato trovato l'accordo economico. L'agente di Kastanos, Valdifiori e Memushaj ha ribadito ieri sera che, ad ora, non ci sono affari con la Salernitana: Giuffredi è notoriamente in ottimi rapporti con Angelo Fabiani, ma nella cena di mercoledì scorso non si sarebbe parlato approfonditamente di mercato. Chi potrebbe essere il centrocampista in alternativa a Di Tacchio chiesto pubblicamente da Ventura? Greco continua a proporsi ed è un profilo interessante, Rodhen è sfumato e potrebbe firmare per il Frosinone, lo Spezia avrebbe proposto senza successo Gennaro Acampora che sta incontrando qualche difficoltà anche in questo precampionato e non è più considerato intoccabile. Un nuovo attaccante potrebbe arrivare soltanto se partissero sia Djuric, sia Calaiò.