BENEVENTO - Maggio: "L’importante era vincere, ora pensiamo alla Salernitana"

26.01.2020 21:30 di TS Redazione   Vedi letture
BENEVENTO -  Maggio: "L’importante era vincere, ora pensiamo alla Salernitana"

Ha messo a segno il gol vittoria grazie a un bellissimo colpo di testa. Capitan Maggio ha parlato così ai microfoni di Ottochannel, partendo dal suo stato di forma nonostante i trentotto anni: "La voglia per questo sport non finisce mai. Mi alleno sempre al massimo in modo da tenermi in forma. Solo così si possono raggiungere obiettivi importanti. Siamo contenti, è arrivata una vittoria sofferta. Questo è l’importante".

PARTITA – “Con l’espulsione di Adorni si sono chiusi molto. In certe circostanze non riuscivamo a impostare il nostro gioco, ma è anche normale così perché non è facile imporsi su questo campo. L’importante era vincere, ora pensiamo alla prossima”.

RITORNO - “Ogni partita ha una storia a sé. Il girone di ritorno sarà difficile perché le avversarie sanno come giochiamo. I punti fatti all’andata ci permettono di lavorare bene. Il Cittadella oggi giocava molte palle lunghe e molte volte non riuscivamo a ripartire con le nostre giocate. E’ stata sofferta, ma alla fine contano i tre punti”.

ESULTANZA - “Abbiamo subito un rigore assurdo. Mi dispiace per Gaetano. Sul mio gol ho esploso la mia gioia, sono andato sotto la Curva per esultare con i tifosi”.

DEDICA - “Dedico il gol a mia moglie che oggi compie gli anni e anche ai miei genitori che dall’alto mi sostengono sempre”.