LE PAGELLE: Casasola impeccabile, l'attacco non punge

 di Valerio Vicinanza  articolo letto 753 volte
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
LE PAGELLE: Casasola impeccabile, l'attacco non punge

Radunovic 6: Salva in almeno due circostanze i suoi compagni, nel primo tempo su Pettinari e nel finale su Bunino lanciato a rete. Non può nulla sulla perfetta punizione di Brugman.

Casasola 6.5: Sempre sul pezzo, concede poco o nulla a Mazzotta e Mancuso arginando ottimamente dal suo lato.

Schiavi 6: Buona prova del capitano granata, che si guadagna però un giallo per un intervento in ritardo su Vanzania. Dal 45’ Di Roberto 6: entra col piglio giusto e prova a dare vivacità alla manovra offensiva sacrificandosi anche in difesa.

Monaco 5.5: Esordio da titolare per l’ex Perugia, che sfodera una prestazione non impeccabile anche se priva di grosse sbavature. Nella ripresa concede ingenuamente la punizione del vantaggio biancazzurro.

Pucino 6: Svolge i suoi compiti con la consueta precisione, concedendo pochissimo in difesa. Si mantiene piuttosto basso per tutta la gara per arginare i costanti affondi di Mancuso.

Della Rocca 6: Buon rientro in campo per l'ex Perugia, che non giocava da settembre. La forma non è ancora delle migliori però e cala sulla distanza. Dal 57’ Kiyine 5.5: Buon approccio alla gara per il marocchino, che prova a pungere in un paio di occasioni senza successo ma è spesso confusionario.

Minala 5: Battaglia come sempre in mediana, senza però la necessaria lucidità. Diverse imprecisioni, invece, in disimpegno.

Zito 6.5: E' spesso il più pericoloso dei suoi, con le sue sgroppate palla al piede. Nel primo tempo chiama Fiorillo alla respinta con una bella conclusione al volo. Dall’80’ Bocalon sv.

Popescu 6: Buona prova del romeno, che se la cava di mestiere contro un colosso come Yamga. Sempre attento in copertura.

Sprocati 5.5: Prova a mettere in difficoltà gli avversari con i suoi soliti guizzi, ma è meno preciso del solito e non riesce ad incidere come vorrebbe.

Palombi 5: Si vede poco il giovane scuola Lazio, stretto com'è tra due mastini quali Gravillon e Perrotta, che fanno buona guardia. Ci prova con più convinzione nella ripresa ma senza creare veri grattacapi alla retroguardia pescarese.