MENICHINI: "Rammaricato per l'addio. Serve la pazienza dei tifosi". Su Fabiani...

22.08.2019 21:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di tuttoSALERNITANA.com
MENICHINI: "Rammaricato per l'addio. Serve la pazienza dei tifosi". Su Fabiani...

Da un lato l'orgoglio per essere stato uno dei più applauditi durante le celebrazioni del centenario grazie alla salvezza maturata sul campo a Venezia, dall'altro l'amarezza per essere forse l'unico allenatore della storia ad essere puntualmente esonerato (o comunque non riconfermato) pur avendo sempre raggiunto l'obiettivo. Salerno, su di lui, ha evidentemente cambiato opinione. Fischiato anche quando era primo in C1 con la sua fuoriserie a tinte granata, oggi Leonardo Menichini si gode gli attestati di stima di una piazza che non dimenticherà mai il suo sì alla Salernitana in momenti difficilissimi. Forse stavolta la riconferma l'avrebbe meritata, ma quando Fabiani ha proposto a Claudio Lotito un nome prestigioso come Ventura ecco che la società ha vacillato. "Sono rammaricato, ma la vita continua" ha detto ai colleghi del quotidiano La Città "chiaramente mi avrebbe fatto piacere proseguire una bella avventura, ma ricevere gli applausi del pubblico vale più di ogni contratto. Ho avuto ancora una volta occasione di tastare con mano la passione della gente, quella che è venuta allo stadio e ci ha aiutato a vincere. Serve anche la pazienza dei tifosi per vivere una stagione importante: se una squadra è serena si esprime al massimo, viceversa diventa complicato. Saranno i risultati a riportare l'entusiasmo, mi sembra che la società abbia allestito una buona rosa e non è detto non possano arrivare altri calciatori".

Non manca un altro passaggio sull'esonero: "I fatti sono noti a tutti, con Fabiani mi sono salutato con un abbraccio. La gratificazione del popolo e i risultati ottenuti restano, nessuno li potrà cancellare. La società ha fatto scelte diverse, non è mia intenzione fare polemica. Va bene così: sono rammaricato, ma la vita continua. Il calcio può dare cose positive, l'ho capito ancor di più grazie a Salerno. Vi auguro un grande campionato". Prima dell'inizio del torneo Primavera con la Lazio, Menichini ha annunciato la sua presenza sugli spalti dell'Arechi. Quello stadio che è diventato anche un po' suo e che, a prescindere dal giudizio sull'aspetto tecnico, lo rispetterà sempre come persona. E c'è chi, ironicamente, lo vede ancora a Salerno per la quarta volta. Ventura naturalmente faccia gli scongiuri.