SALERNITANA: un Turco a capo della squadra femminile

20.08.2019 21:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: La Città
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
SALERNITANA: un Turco a capo della squadra femminile

Da certezza del dilettantismo alla sfida in rosa. Mariano Turco volta pagina. Il tecnico salernitano, bandiera da 17 anni del Valentino Mazzola, lascia lo storico club di Coperchia e inizia una nuova esperienza. È lui infatti il nuovo allenatore della Salernitana Femminile. Un progetto ambizioso, con la voglia di dare lustro ad un universo calcistico in grande espansione, favorito dal rendimento della Nazionale Italiana negli scorsi Mondiali in Francia, tanto da risvegliare ed amplificare la passione e l’attenzione per uno sport considerato fino a poche settimane fa “minore”. Ambizioni ma soprattutto motivazioni, quelle che hanno spinto Turco a lasciare il suo Valentino Mazzola e il calcio dilettantistico per rimettersi in discussione nel progetto coordinato dalla dirigente Rosa Punzo. Dopo oltre 500 gare con il club salernitano, portato dalla Terza alla Prima Categoria e con diverse esperienze nei campionati di Promozione, ora per Turco inizia la sfida nell’orbita della società di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma. Troppo forte il richiamo della Salernitana e soprattutto la possibilità di potersi misurare in un contesto costruito per vincere, iniziando così la risalita del club granata verso i campionati che contano. Tutto motivato dalle ambizioni messe sul piatto dalla dirigenza, pronta ad investire con forza nel movimento femminile partendo dalla richiesta di ripescaggio in serie C.

La Salernitana infatti al momento è iscritta al campionato di Eccellenza ma spera di poter essere ammessa nella categoria superiore. Ipotesi al momento complicata, dopo aver avuto sentore che non vi sia nessun rischio di esclusione dei club impegnati in C. Se non sarà ripescaggio, ecco allora scendere in campo le granatine in Eccellenza, campionato considerato di passaggio, da vincere per avviare il progetto. In favore di Mariano Turco anche la costituzione di un organico importante. All’ossatura già forte della scorsa stagione, sono state aggiunte tante altre pedine, accomunate dal desiderio di vestire la maglia della Salernitana. Un amore smisurato, percepito durante l’Open Day svolto nei giorni scorsi al campo Volpe, “casa base” delle selezioni in rosa: oltre 35 ragazze si sono messe alla prova sul terreno di gioco sintetico di via Salvador Allende per provare a convincere lo staff tecnico e avere una chance. Sguardo al presente ma anche rivolto al futuro, con la composizione delle selezioni under 12 e under 15, oltre alla prima squadra. La speranza della società del cavalluccio marino è di poter creare una “cantera” dipinta di rosa, serbatoio per la squadra di Turco e in grado di poter far crescere e maturare i migliori prodotti di un panorama calcistico in grande sviluppo. Ci vorrà del tempo per valorizzare davvero il calcio femminile, ma è ora di cominciare.