SALERNITANA: Ventura carica la squadra per uscire dalla crisi

03.12.2019 11:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: La Città
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
SALERNITANA: Ventura carica la squadra per uscire dalla crisi

Prima le parole, poi il campo. Il lunedì che ha aperto la missione Cittadella in casa Salernitana è fatto di recuperi ma soprattutto di confronti. Perché, nel chiuso dello spogliatoio del centro sportivo Mary Rosy, Gian Piero Ventura ha guardato negli occhi la sua squadra. Il tecnico ligure ha analizzato il pari con l’Ascoli, parlando degli aspetti positivi ma soprattutto di cosa non va, ribadendo che c’è ancora tanto da lavorare. Nel mirino dell’allenatore granata soprattutto la gestione del secondo tempo, il crollo fisico e mentale che sabato scorso ha permesso all’Ascoli di pareggiare, lasciando l’amaro in bocca agli uomini di Zanetti per la rimonta bloccata nel finale solo dai miracoli in serie di Micai. Il bivio, come raccontato da Ventura dopo la sconfitta con la Juve Stabia, è sempre lì. Ora tocca alla squadra decidere quale strada imboccare. A partire proprio dalla trasferta di Cittadella dalla quale ora anche la società si attende un segnale importante. Sabato scorso, sotto gli occhi dei co-patron Lotito e Mezzaroma, il pareggio non ha lasciato sorrisi. Lotito, dopo esser passato dagli spogliatoi per parlare a squadra e tecnico, è andato via scuro in volto e con la bocca cucita, proprio mentre ai tesserati veniva comunicato il silenzio stampa «per le decisioni arbitrali che hanno per l’ennesima volta hanno condizionato fortemente la gara penalizzando i granata», come si leggeva nel comunicato del club. Silenzio davanti a microfoni e telecamere ma non sui social. Perché nel weekend i calciatori granata hanno manifestato la propria voglia di riscatto sui rispettivi profili virtuali. "Peccato per il pareggio, continuiamo a lavorare per tornare a vincere", il messaggio pubblicato da Alessandro Micai. Cristiano Lombardi invece ha preferito far parlare l’esultanza dopo il suo primo gol all’Arechi, quello che sembrava potesse bastare per centrare di nuovo i tre punti prima del pari di Scamacca. L’appuntamento con la vittoria manca da un mese, dal successo con l’Entella che sembrava poter certificare le ambizioni playoff prima delle tre con appena un solo punto portato a casa.