SALERNITANA: Ventura è già leader...

19.07.2019 09:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: ottopagine
SALERNITANA: Ventura è già leader...

Aveva promesso porte aperte al mattino per riavvicinare i tifosi e provare a ricucire lo strappo che si è consumato nel corso della passata stagione. Un obiettivo per cui Gian Piero Ventura sta lavorando in prima persona, confrontandosi costantemente con la gente di Salerno. Al termine della seduta di allenamento  di ieri si è intrattenuto con una delegazione del Centro di Coordinamento Salernitana Clubs, guidata dal presidente Riccardo Santoro. "È stato un colloquio molto interessate, mi è piaciuto il suo modo di porsi", ha spiegato il numero uno del Ccsc che questa mattina ha fatto visita ai granata nel ritiro di San Gregorio Magno. "Con il mister abbiamo parlato un po’ di quanto accaduto lo scorso anno. Sa bene che la tifoseria è ferita per quello che è successo. Lui stesso vuole che per Salerno e la Salernitana sia l’anno zero, quello della rinascita. Sinceramente qualcosa già si è visto in questi primi giorni di ritiro nei quali la squadra è stata completata al 70%. Mi è piaciuto molto, inoltre, il concetto di “bonifica dell’ambiente” ribadito da Ventura e che mira a cancellare quanto non ha funzionato lo scorso anno". I primi passi della nuova Salernitana, dunque, sembrano convincere i tifosi. "Al momento sono contento ma c’è bisogno ancora di tanto lavoro. Diamogli modo e tempo di lavorare, poi li metteremo alla prova". Per i granata sarà fondamentale recuperare il rapporto con la tifoseria per riportare il popolo granata sugli spalti dell’Arechi. "C’è bisogno di qualcosa – l’appello di Santoro - che possa attirare quella parte di tifoseria che si è allontanata. Servono iniziative, risultati e anche l’avvicinamento della società alla città. Dobbiamo fare di tutto per far tornare allo stadio chi si è allontanato in questi anni. A volte anche le parole di Lotito lasciano il segno ma è giunto il momento di lavorare tutti insieme per riportare le famiglie allo stadio. Naturalmente anche la società dovrà fare la sua parte per ricostruire l’ambiente".