SERIE B - Panchine promosse: sogno Tesser-Venturato, Stroppa e Inzaghi…

03.12.2019 17:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: seriebnews
Nella foto Inzaghi
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Nella foto Inzaghi

 Ci sono diversi allenatori che in cadetteria stanno facendo molto bene e potrebbero meritare una chance in Serie A. Il primo nome è quello di Pippo Inzaghi, che ha già allenato al Milan e al Bologna, ma entrambe le esperienze sono finite con un esonero. In Serie B l’ex bomber è una garanzia, dopo la grande stagione con il Venezia sta dominando il campionato con il Benevento. In caso di promozione, più che probabile, è pronto a guidare la ‘strega’ anche in Serie A, ma non è da escludere la chiamata di un club più importante che decida di puntare su di lui. Con un altro anno di esperienza, Inzaghi la affronterebbe in maniera decisamente diversa. Anche Paolo Zanetti sta facendo bene all’Ascoli, anche se sembra ancora un po’ inesperto e altalenante a livello di prestazioni e mentalità. Non solo, anche Alessandro Nesta e Massimo Oddo spera di spiccare definitivamente il volo per guadagnarsi la loro grande chance in Serie A, anche se per l’ex terzino sarebbe un ritorno.

In questo senso stanno dimostrando grande solidità due veterani del nostro calcio come Tesser e Venturato. Il primo, da neopromosso, è secondo a sorpresa alla guida del Pordenone. Il secondo è ormai una certezza sulla panchina del Cittadella e – dopo la Serie A sfiorata lo scorso anno, anche quest’anno lotta per le posizioni di vertice. A 56 anni meriterebbe l’esordio in Serie A, con o senza il Cittadella. Un po’ come Tesser (ha rinnovato da poco fino al 2021), che sogna di riassaporare il calcio dei grandi sette anni dopo l’ultima volta con il Novara. E soprattutto dopo il grande rifiuto di qualche anno fa confessato in esclusiva a ‘SerieBnews.com’. Poi c’è Giovanni Stroppa, da molti anni a Crotone e ora secondo: vorrebbe una nuova occasione al top dopo l’esperienza a Pescara del 2012. Inoltre, il suo contratto scadrà proprio a giugno 2020 e in questo senso può essere libero di decidere.