TIFOSI: pubblico in estasi: “Goduria granata. Tre innesti e possiamo sognare”

25.08.2019 21:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
TIFOSI: pubblico in estasi: “Goduria granata. Tre innesti e possiamo sognare”

Stiamo rimarcando diverse volte che i tifosi della Salernitana si sono davvero divertiti durante la partita di ieri. Il boato liberatorio che ha accompagnato i tre gol granata derivava non solo dalla gioia per il successo, ma anche e soprattutto da una prestazione trainante, bellissima, a tratti spumeggiante. “E’ bastato poco per far tornare l’entusiasmo all’Arechi, erano 20 anni che non vedevo una partita del genere” dice Paolo Sessa di Battipaglia ancora senza voce, “Sono incredulo, rivedrò la partita su DAZN per tutta la settimana. Una superiorità schiacciante, una mentalità incredibile, un pubblico determinante, una squadra che ha un’idea di gioco spettacolare” aggiunge Enzo Lodato di Cava rimarcando che “Cicerelli è un fuoriclasse, l’ho sempre pensato. Ricordo una sua azione sotto la Sud due anni fa, una tecnica sopraffina”. “Una goduria immensa” aggiunge Vincenzo D’Andria “mi sono divertito come non mi era mai successo. Gioco di prima, spettacolo puro, tre gol che potevano essere sei. Meraviglioso!”. “Vivo fuori per lavoro, ma svegliarmi con una vittoria della Salernitana così convincente mi dà la forza per affrontare la giornata” il parere di Raffaele Napoli, “Facciamo lavorare l’allenatore, il fuoriclasse lo abbiamo in panchina. Due innesti per completare la squadra, non dico dove potremo arrivare per scaramanzia: diciamo che c’è tutto per divertirci” il pensiero dell’addetto stampa del Salerno Club 2010 Andrea Criscuolo. “Possibile che Colantuono non facesse giocare Cicerelli? Ma avete visto le differenze tra un 3-5-2 che era un 5-4-1 e il gioco champagne di Ventura?” fa notare Luigi Maiale Tarantino di Castel San Lorenzo, “Una dedica a tutti quelli che si lamentavano per la mancata riconferma di Menichini. I campionati si vincono con gli allenatori di livello, non con le brave persone. Riconoscenza? Dovrebbe averne lui per aver allenato in una piazza come Salerno” dice invece con un velo di polemica Maurizio Fusella. La chiosa è di Enzo Ricciardi di Ogliara: “Se altre squadre avessero preso Kiyine, Jaroszynski, Firenze, Giannetti, Cerci e Lombardi staremmo parlando di corazzata e attaccheremmo la società. Per scaramanzia diciamo che mancano 40 punti alla salvezza…”