SERIE B - La Top 11 della quattordicesima giornata

Modulo 3-5-2
03.12.2019 17:00 di Davide Maddaluno   Vedi letture
SERIE B - La Top 11 della quattordicesima giornata

Con il successo all'inglese del Pisa sul Pordenone si è chiusa la giornata numero 14 del campionato cadetto. Classifica sempre più corta eccezion fatta per il Benevento che inizia a prendere un margine consistente sulla seconda e terza piazza. Alle spalle dei sanniti sono ben 4 le squadre a quota 22 punti con il redivivo Perugia che si inserisce nuovamente di prepotenza nel lotto delle pretendenti alla massima serie. In coda, oltre alle consuete polemiche di casa Salernitana, spicca il terzo risultato utile consecutivo del Trapani che aggancia il Cosenza e isola il Livorno all'ultimo posto. Andiamo, dunque, a scoprire l'undici ideale del week-end, schierato con il 3-5-2:

MICAI (Salernitana): Inoperoso per lunghi tratti del primo tempo, ma nella ripresa cala la saracinesca salvando a più riprese il risultato. Superlativo sia su Chajia che su Cavion. Vince ai punti il duello con il pur bravo e altrettanto determinante dirimpettaio Leali.

ROSI (Perugia): Esce dal guscio in cui si era rinchiusa tutta la squadra umbra. Sfonda sugli esterni con il passo dei tempi migliori, mettendo in porta Iemmello prima e Capone poi. Bentrovato.

CALDIROLA (Benevento): Imperioso lo stacco aereo con cui sigla il raddoppio delle streghe a Venezia. Ma oltre al goal anche un'impeccabile tenuta difensiva.

LISI (Pisa): Sprinta sulla fascia che è una bellezza, mette in crisi i dirimpettai del Pordenone sia in fase offensiva che difensiva. Speedy Gonzales.

RAGUSA (Spezia): L'ex granata è determinante ad evitare l'ennesima deludente sconfitta ai liguri che riescono invece ad uscire con almeno un punto da Cosenza.

ROCCA (Livorno): Lo scialbo pari di Cremona ha un piccolo raggio di sole in casa amaranto: l'ex centrocampista sampdoriano spadroneggia in mediana, dando un prezioso contributo in difesa e diventando anche attaccante aggiunto nei pochi tentativi degni di nota dei suoi. Speranza.

ERAMO (Virtus Entella): Un pregevole assist di tacco e l'acuto del raddoppio: quanto basta per una domenica da protagonista che restituisce il sorriso alla truppa di Boscaglia.

BEGHETTO (Frosinone): Apre il festival del goal ciociaro contro un irriconoscibile Empoli. Sforna palloni a ripetizione per gli avanti, prestazione di grande generosità oltre che di qualità e quantità.

NOVAKOVICH (Frosinone): Sorprende in positivo lo statunitense di chiara origine serba, fino a poco tempo fa oggetto misterioso. Due assist, un goal, tante giocate propositive e gli scroscianti applausi del pubblico per un sabato da ricordare.

IEMMELLO (Perugia): Nel momento delle difficoltà, i duri iniziano a giocare. Lo sa bene il bomber perugino che si carica sulle spalle l'attacco e tramortisce con una doppietta d'autore il lanciato Pescara.

MARCONI (Pisa): Gli basta mezzora per andare in doppia cifra. Realizza una rete fantastica con una torsione spettacolare. Nell’atterraggio si fa male al ginocchio,ma dimostra generosità decidendo di rimanere in campo. Scelta corretta perché anche con una gamba sola riesce ancora una volta a gonfiare la rete e raggiungere quota 10 gol in campionato.