SETTORE GIOVANILE: anche la Primavera vede i playoff, vittoria eccellente col Frosinone

25.01.2020 14:30 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
SETTORE GIOVANILE: anche la Primavera vede i playoff, vittoria eccellente col Frosinone

Prima vittoria casalinga stagionale della Primavera, capace di battere il Frosinone al termine di una gara dominata dall'inizio alla fine e che soltanto in zona Cesarini si è riaperta a causa dell'unico svarione di una difesa che continua a rappresentare uno straordinario punto di forza. Mister Rizzolo ha optato per una tattica intelligente: inizio a ritmi relativamente bassi, densità in mezzo al campo, ripartenze soprattutto sull'out di sinistra e qualche fraseggio nello stretto che ha esaltato i cento spettatori presenti e i dirigenti che hanno seguito la partita manifestando soddisfazione. I ciociari, accreditati a inizio anno per la vittoria finale del girone, hanno offerto una prova opaca sbattendo contro un autentico muro eretto da capitan Novella, da uno straordinario Milani e dal tandem Gambardella-Galeotafiore che ci ha messo fisicità, cattiveria agonistica e un temperamento fuori dal comune a questa età. Solo nei primi minuti gli ospiti hanno creato i presupposti per portarsi in vantaggio, sempre con Vitalucci: la sua prima conclusione ha sfiorato l'incrocio dei pali dopo un dribbling ubriacante, nel secondo caso ha fallito il tap-in a porta vuota e in sospetta posizione di fuorigioco. Lì è finita la gara del Frosinone ed è salita in cattedra una Salernitana straripante sul piano atletico, molto generosa ma talvolta imprecisa negli ultimi sedici metri. Le prove generali le ha fatte Arena, letteralmente scatenato: un paio di conclusioni hanno messo i brividi al portiere laziale, "ammonito" dalla panchina della Salernitana per aver assunto un atteggiamento ritenuto provocatorio. Al 32' Guida si è presentato a tu per tu con Trovato: tanta potenza, poca precisione ma tentativo assai apprezzabile. 60 giri di lancette ed ecco il momento clou: Arena se ne va tra tre avversari e conquista con furbizia un calcio di rigore, perfetto Galeotafiore dagli undici metri. Due minuti dopo altro episodio dubbio nell'area di rigore gialloblu: lancio di Vignes, scatto di Guida sul filo del fuorigioco e contatto dubbio con Trovato: nella circostanza ingenuo il centravanti granata- comunque tra i migliori- ad osservare l'assistente piuttosto che puntare dritto alla porta.

Nella ripresa 15 minuti di grande calcio da parte della Salernitana, tra i migliori della stagione. E il 2-0 era la logica conseguenza: Arena ispirava, Pezzo toglieva la ragnatela dall'incrocio esultando alla Cristiano Ronaldo sotto la tribuna. L'assedio dei granatini produceva due conclusioni a lato di un nulla, altrettanti interventi di Trovato e un salvataggio provvidenziale di Tonetto in piena area piccola. La girandola di sostituzioni non cambiava le sorti di un match controllato agevolmente...fino all'85'. Persa palla a metà campo, la Salernitana si faceva trovare scoperta e beccava l'1-2 ad opera di un Frosinone che, per la verità, già poco prima aveva timbrato la traversa e sfiorato successivamente la rete su una mischia furibonda conclusa con la presa sicura di De Matteis. Al 95', prima del triplice fischio, proprio De Matteis parava in bello stile su De Florio dando il via alla festa dei compagni di squadra. Tutti sotto la tribuna, felicissimi per un risultato che proietta il cavalluccio marino a ridosso dei playoff