"Auguro tutto il bene alla Salernitana, mi fa molto piacere che una città così importante sia andata in serie A. Qualche anno fa andai via perchè volli sposare il progetto del Verona, ma bisogna essere onesti: il direttore sportivo Fabiani, che conosce bene il calcio ed ha grossa esperienza, i giocatori forti li ha sempre presi. Coda, Donnarumma, Rosina, altri investimenti di un certo livello: poi in campo vanno i calciatori e tocca a loro fare la differenza, se non si vincono le partite mica te la puoi prendere con la proprietà? Quest'anno è andato tutto nel migliore dei modi, conosciamo tutti il modo di fare calcio del tecnico Fabrizio Castori e i numeri sono tutti dalla sua parte. La mentalità è chiara: badare molto alla fase difensiva e chiudere la porta, con la consapevolezza che prima o poi gente come Djuric, Gondo o Tutino la butta dentro. A Gennaro ho sempre detto che Salerno potesse essere la piazza giusta per lui, peccato davvero che lo stadio sia chiuso perchè, con la curva che veniva giù, poteva essere ancora più motivato e determinante. Il mio futuro? Tornare sarebbe un sogno, ma se non mi hanno chiamato in B non penso proprio accadrà nella categoria superiore.A Frosinone mi sono trovato bene, forse dopo qualche anno era necessario cambiare maggiormente la rosa". Così ai microfoni di TuttoSalernitana e di SeiTv l'ex difensore Luigi Vitale.

Sezione: Esclusive TS / Data: Gio 13 maggio 2021 alle 20:00
Autore: Luca Esposito / Twitter: @lucesp75
Vedi letture
Print