CRAC SALERNITANA: Aliberti chiude i conti

01.04.2020 11:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: La Città
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
CRAC SALERNITANA: Aliberti chiude i conti

È il primo punto posto a una vicenda giudiziaria che riguarda uno dei momenti più dolorosi dell’ormai ultracentenaria storia della massima espressione calcistica di Salerno. Si è concluso, infatti, il processo civile riguardante il fallimento della Salernitana Sport Spa, la società guidata da Aniello Aliberti scomparsa dai quadri del calcio - e non solo - nel 2005. L’imprenditore di San Giuseppe Vesuviano, al timone del club del cavalluccio marino per undici lunghissimi anni - dal 1994 al 2005 - costellati di tanti successi sportivi, culminati con la storica, seconda promozione in serie A al termine della stagione 1998/’99, ha infatti rinunciato - tramite i suoi legali - al ricorso presentato alla Corte di Cassazione contro il fallimento della società. Un «atto formale», così come è stato definito dall’ex presidente granata, e che però pone fine a una parte della questione giudiziaria che ha riguardato il club scomparso nel 2005 quando si trovava in serie B e poi ripartito grazie al Lodo Petrucci con una nuova società in serie C. La rinuncia al ricorso alla Suprema Corte, infatti, arriva in seguito alla transazione ottenuta da Aliberti negli scorsi mesi e che, dunque, gli ha permesso di chiudere la vicenda civile. In sede penale, invece, il processo va avanti: il prossimo mese di maggio (salvo rinvii dovuti all’emergenza coronavirus) è prevista un’udienza alla Corte d’Appello del tribunale di Salerno per le contestazioni avanzate dalla Procura.