CAOS SERIE B: c'è un precedente a favore della Salernitana

27.05.2019 14:00 di Antonio Siniscalchi   Vedi letture
Fonte: La Città
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
CAOS SERIE B: c'è un precedente a favore della Salernitana

Un precedente di 13 anni fa. Uno dei più famosi che la storia del calcio italiano ricordi. È il jolly che la Salernitana è pronta a giocarsi sul tavolo della giustizia sportiva e amministrativa, per scacciare definitivamente l’incubo d’un playout in stile balneare. Tutto, ovviamente, resta legato alla retrocessione in serie C del Palermo, sentenza del Tfn ch’è stata impugnata dal club siciliano in Corte d’Appello Federale con processo fissato per mercoledì. Venisse confermata la condanna di primo grado, ecco che la società granata è convinta di poter chiudere la “partita” rispolverando i faldoni del caso Juventus. Era l’estate del 2006, quella del “cielo azzurro sopra Berlino”, e però - prima che l’Italia di Marcello Lippi diventasse campione del mondo - pure del più grande scandalo che lo sport nazional-popolare abbia mai conosciuto nel Belpaese. L’inchiesta “Calciopoli” portò alla clamorosa revoca dello scudetto vinto dai bianconeri del direttore generale Luciano Moggi con tanto di retrocessione in B. L’esplosione d’una “bomba” che solo il trionfo della Nazionale in Germania riuscì (in parte) a silenziale, ma che nel frattempo portò al commissariamento delle Federcalcio e a far tremare la nomenclatura del pallone. È il precedente a cui oggi la Salernitana si aggrappa per rivendicare la “legittimità” dell’operato del Consiglio Direttivo della Lega cadetta che ha ritenuto non necessaria la disputa dei playout perché, con la condanna alla C del Palermo, di fatto sale a quattro il numero delle squadre finite in terza serie. Qual è il nesso? La Juventus, nel 2006, non venne formalmente spedita all’ultimo posto, facendo così “slittare” le altre squadre in avanti d’una posizione in classifica, bensì fu considerata la quarta retrocessa, salvando di conseguenza il Messina nonostante il quartultimo posto. Tredici anni dopo, secondo la tesi difensiva dei legali di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma, il Palermo sarebbe la Juventus, mentre la Salernitana prenderebbe il posto del Messina.