SALERNITANA: derby numero 42 per Lotito e Mezzaroma, Arechi spesso determinante

16.09.2019 16:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
SALERNITANA: derby numero 42 per Lotito e Mezzaroma, Arechi spesso determinante

Quello di stasera sarà il quarantaduesimo derby della gestione Lotito-Mezzaroma. Il bilancio (che tiene in considerazione anche tre successi a tavolino) parla di 24 vittorie, 9 pareggi e appena 8 sconfitte, l'ultima proprio all'Arechi contro il Benevento per 1-0 a causa dell'erroraccio di Micai e delle sviste dell'arbitro Abbattista. Tra le mura amiche, tuttavia, la Salernitana è stata praticamente imbattibile: solo Arzanese, Aversa Normanna e Casertana sono riuscite a conquistare punti, ma i falchetti persero la qualificazione play off proprio a Salerno in uno stadio gremito da 22mila spettatori che celebrò con una maestosa coreografia il ritorno in serie B dei granata.

Il percorso di Lotito e Mezzaroma iniziò proprio con un derby, assolutamente atipico e in un clima particolare. Era la prima del Salerno Calcio, era l'esordio delle magliette a strisce blu e rosse a cospetto di un avversario, l'Internapoli, sin lì sconosciuto ai più. Sul campo i ragazzi di Perrone pareggiarono per 0-0 nonostante la superiorità numerica, perdendo successivamente ai rigori: sugli spalti erano in 4000, numeri incredibili per una piazza che si era ritrovata dalla finale play off al dilettantismo in poche ore. Tra i derby più belli ricordiamo senza dubbio il 2-1 sul Benevento targato Mendicino-Gustavo (il brasiliano segnò al 94', sul web spopola ancora il video di uno stadio impazzito di gioia), il 3-1 sull'Avellino dell'era Torrente (doppietta di Gabionetta e squillo di Troianiello) e il 2-0 sempre sul Benevento che valse mezza promozione in B.

 Tre volte, invece, la compagine di Lotito e Mezzaroma ha vinto a tavolino: accadde a Bacoli (sul campo era 2-0 per i blaugranata, doppietta di Biancolino) e due volte con la Nocerina per i noti fatti che fecero parlare l'intera Italia pallonara. A maggio 2016, pur non giocandosi nulla, la Salernitana onorò l'impegno inguaiando l'Avellino: 2-0 nel segno di Coda e Improta. Il 3-2 della stagione successiva, però, rappresenta uno dei momenti più belli della storia granata: da 2-0 a 2-3 nel segno di Minala al 96', in precedenza gol di Rodriguez e magia di Sprocati. Ecco il dato nel dettaglio:

Stagione 2011-12

Salerno Calcio-Internapoli 0-0 (1-3 d.c.r)

Bacoli- Salerno Calcio 0-3 (a tavolino)- 1-4

Salerno Calcio-Pomigliano 3-1/0-1

Stagione 2012-13

Salernitana-Aversa Normanna 2-2/1-0

Arzanese-Salernitana 2-2/0-0

Stagione 2013-14

Salernitana-Ischia 2-1 (coppa Italia)

Benevento-Salernitana 1-2/1-2

Salernitana-Nocerina doppio 3-0 a tavolino

Salernitana-Paganese 1-1/0-1

Stagione 2014-15

Salernitana-Aversa Normanna 4-3/1-0

Ischia-Salernitana 0-1/1-2

Salernitana-Savoia 2-0/1-0

Benevento-Salernitana 0-0/0-2

Salernitana-Paganese 1-0/1-0

Salernitana-Juve Stabia 3-2/0-1

Casertana-Salernitana 1-0/1-1

Stagione 2015-16

Salernitana-Avellino 3-1/0-1

Stagione 2016-17

Benevento-Salernitana 0-0 (2-4 d.c.r.)- coppa Italia

Salernitana-Benevento 2-1

Avellino-Salernitana 3-2

Benevento-Salernitana 1-1

Salernitana-Avellino 2-0

Stagione 2017-18

Avellino-Salernitana 2-3

Salernitana-Avellino 2-0

Stagione 2018-19

Benevento-Salernitana 4-0

Salernitana-Benevento 0-1
 

Gaetano Ferraiuolo