Chi sperava che la vicenda Reggiana di tre settimane fa fosse l'ultima a coinvolgere la giustizia sportiva si sbagliava di grosso. Neanche il tempo di celebrare la nuova capolista del torneo cadetto che si ricomincia d'accapo, ironia della sorte anche con la Salernitana indirettamente protagonista. I granata hanno espugnato con merito il campo di Cosenza grazie al classico gol dell'ex siglato da Gennaro Tutino, ma i calabresi ritengono ci sia stato un errore tecnico e hanno preannunciato reclamo: in pratica il centrocampista Ba ha ricevuto un'ammonizione (poi risultata pesantissima) perchè entrato sul terreno di gioco senza autorizzazione dell'arbitro (il Cosenza, per 22 secondi, ha giocato in 12). Fondamentale sarà il referto stilato dal signor Dionisi che, fino a quel momento, aveva diretto in modo perfetto. Addirittura la Salernitana potrebbe passare dal rischio ripetizione allo 0-3 a tavolino perchè il Cosenza ha effettuato le sostituzioni in quattro e non in tre slot come previsto da regolamento. Un caos che comporterà la non omologazione del risultato e una pioggia di ricorsi e contrasti. Alla faccia del "riprendiamo per dare un segnale di serenità".

Provando a parlare di calcio giocato, Lecce e Spal sono ormai avviate verso la fuga. I salentini hanno vinto in trasferta lo scontro diretto con il Chievo al 93', del resto quando puoi permetterti il lusso di tenere in panchina Falco e Pettinari significa che è un organico troppo superiore alla media della categoria. Proprio Falco ha beffato i clivensi, alla seconda sconfitta interna stagionale dopo quella con la Salernitana. La Spal, invece, conquista la quinta vittoria di fila sul campo dell'Entella, soffrendo più del previsto nel primo tempo ma dimostrando una superiorità tecnica evidente e sulla quale, obiettivamente, c'erano pochi dubbi. Per VIvarini, subentrato a mister Tedino, servirà un autentico miracolo per condurre i liguri alla salvezza, la rosa ha bisogno di numerosi innesti a gennaio se vorrà evitare il salto all'indietro di categoria. Le panchine sono state davvero roventi. Il Pescara perde ancora contro lo splendido Pordenone di Tesser, silura Oddo (all'ennesimo esonero in carriera) e punta sull'esperienza di Roberto Breda, artefice di tanti miracoli da subentrante. L'Ascoli viene beffato in rimonta da un Venezia in grande spolvero (che gol di Aramu!) e si affida all'esperienza di Delio Rossi, fuori dai radar da quasi due anni e desideroso di chiudere una onesta carriera con un risultato importante. E venerdì ci sarà proprio lo scontro tra bianconeri e biancazzurri, tra allievo e maestro che si ritrovano dopo aver reso grande la Salernitana anni Novanta.

In vetta balzo in avanti importante del Frosinone che, con un pizzico di fortuna, espugna per 2-1 il campo del Brescia. Senza Donnarumma, le Rondinelle fanno fatica a volare al netto del recupero di Torregrossa e Sabelli. Al momento la panchina di Lopez non sembra in bilico, ma Cellino ha già annunciato una rivoluzione a gennaio e questo clima di perenne incertezza inciderà senza dubbio sui risultati. 2-2 interno dell'Empoli contro un grande Vicenza, penalizzato da un errore del portiere ma capace di reagire nel finale con un calcio di rigore realizzato dal golden boy Longo. L'esultanza a fine gara di mister Di Carlo, solitamente molto contenuto, fa capire quanto questo risultato venga considerato prestigioso. Del resto se grandi firme del calcio italiano come Arturo Di Napoli parlano di un Vicenza sorpresa per i playoff un motivo ci sarà. In coda 1-1 tra Reggiana e Cremonese che non schioda i lombardi dall'ultimo posto, il Pisa sta soffrendo tantissimo in difesa e becca 4 reti dal Cittadella pur giocando in 10 contro 11 per quasi tutta la gara. E' crisi profonda per la Reggina, battuta per 1-0 da un Monza non bello da vedere, tutt'altro che trascinato da Boateng, ma a ridosso della zona dei sogni.

Risultati 9^giornata

Chievo-Lecce 1-2
Monza-Reggina 1-0
Empoli-Vicenza 2-2
Pescara-Pordenone 0-2
Venezia-Ascoli 2-1
Brescia-Frosinone 1-2
Cosenza-Salernitana 0-1 (risultato a rischio omologazione)
Entella-Spal 0-1
Reggiana-Cremonese 1-1
Pisa-Cittadella 1-4

Classifica

Salernitana 20 (ma il giudice sportivo potrebbe congelare i tre punti)
Spal 18
Lecce 18
Empoli 18
Venezia 17
Frosinone 16
Chievo 14
Cittadella 14
Monza 13
Pordenone 12
Brescia 9
Cosenza 8
Reggiana 8
Vicenza 7
Pisa 7
Reggina 7
Entella 5
Ascoli 5
Pescara 4
Cremonese 4

Cittadella, Chievo, Monza, Reggiana, Brescia, Pisa, Ascoli, Cremonese una partita in meno.
Vicenza 2 partite in meno
La Salernitana potrebbe trovarsi a 17 punti in attesa del verdetto del giudice sportivo dopo il preannuncio di reclamo da parte del Cosenza.

Sezione: News / Data: Mar 01 dicembre 2020 alle 10:30 / Fonte: Tuttomercatoweb
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print