CAOS CAMPIONATO: L'Entella alza la voce

03.10.2018 15:30 di Antonio Grimaldi  articolo letto 457 volte
© foto di Luca Sanguinetti
CAOS CAMPIONATO: L'Entella alza la voce

Il presidente Gozzi, in un'intervista al sito di Gianluca Di Marzio, continua a chiedere giustizia per la sua Entella: "Ho chiesto a Fabbricini un incontro urgente, si è rifiutato adducendo le stesse motivazioni del ricorso al TAR! Cioè ma tu Federazione Italiana Giuoco Calcio che dovresti essere casa nostra, il nostro riferimento per quale motivo vai a prendere le parti di un tesserato fallito, il Cesena? Addirittura ricorri contro un tuo organo, contro la Procura Federale. Perché sei qua a contrastarmi quando un tuo organo chiede quello che chiedo io, ossia che venga ripristinata la legalità e venga tutelata una società, quale la Virtus Entella che ha sempre agito nella massima correttezza e trasparenza? Come mai il presidente della Corte Federale D’Appello, il signor Santoro che dovrebbe essere il garante per antonomasia della terziarietà e dell’imparzialità scrive pareri a favore della candidabilità di un tesserato federale, Claudio Lotito, al Consiglio federale? Come mai l’avvocato che ha scritto il ricorso della Lega B contro la sentenza del Collegio di Garanzia pro Entella è lo stesso che cura gli interessi della SS Lazio? Mi ritrovo di fronte lo stesso Giudice che scrive pareri per un tesserato in una situazione di forte ostracismo verso la nostra società. Dov’è il motivo? Siamo sgraditi perché siamo troppo piccoli, perché non facciamo 50mila persone allo stadio? Allora fate delle leggi ad hoc a riguardo se pensiate sia la strada giusta questa! Ma la tracotanza di questi soggetti, Signori è al di sopra di ogni immaginazione, se ne infischiano perfino di quello che dice il Governo!. Cosa mi aspetto il 9 ottobre? Che si faccia giustizia, una volta per tutte! Ma ormai ne ho viste di tutti i colori.Andrò fino in fondo, fino al Consiglio di Stato se necessario. Sono un combattente e non mi fermerò! A noi la Serie B spetta di diritto è lampante, non c’è tecnicismo di alcun tipo è semplice realtà”.