SERIE B: nessun infetto fra i calciatori di Frosinone, Spezia e Perugia

23.05.2020 16:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: La Città
© foto di Antonio Vitiello
SERIE B: nessun infetto fra i calciatori di Frosinone, Spezia e Perugia

"Ho sempre confidato nell’operato delle istituzioni e nella loro capacità di tener conto del merito sportivo e del buon senso. Ma ammetto che qualche volta ho temuto che potessero toglierci quello che sul campo era già diventato un diritto. Che avvenga attraverso il campo o col merito sportivo, non vedo l’ora di poter condividere questo successo con tutti quelli che hanno reso possibile il sogno". Non nasconde la propria soddisfazione per l’ormai definita ripartenza del campionato di serie B Oreste Vigorito, presidente del Benevento che il campionato cadetto spera di lasciarlo il prima possibile per raggiungere quella serie A che definire ad un passo è addirittura riduttivo. Gli uomini di Inzaghi scalpitano per portare a termine la missione e saranno una delle prime squadre a riprendere la vita del campo: già lunedì, infatti, riprenderanno gli allenamenti. Nessuna comunicazione ufficiale da parte del Crotone se non nelle dichiarazioni dell’attaccante argentino Maxi Lopez, entusiasta di “respirare” l’odore dell’erba. Dopo i test sierologici a giocatori e staff, anche il Frosinone riprenderà gli allenamenti collettivi a Ferentino a partire da giovedì, giornata in cui il Governo dovrà esprimersi sulla proposta della Figc di portare a termine i campionati professionistici (il summit, alla luce degli sviluppi del Consiglio Federale, sembra pura formalità). Anche lo Spezia è pronto a ripartire, soprattutto dopo aver comunicato nella giornata di ieri che tutti i test molecolari e sierologici ai quali sono stati sottoposti giocatori e staff tecnico nella mattinata di martedì sono risultati negativi.

Stesso esito anche per calciatori e componenti dello staff tecnico, sanitario e dirigenziale dell’Entella che hanno effettuato gli esami prima delle sedute di allenamento individuali, una “prima fase” che anticipa il lavoro collettivo. "Se il protocollo viene accettato, bisogna ripartire e noi stiamo lavorando per farci trovare pronti. Noi abbiamo sempre detto di voler tornare a giocare perché ritengo che i risultati debbano arrivare dal campo, quella è l’espressione massima del nostro lavoro", ha dichiarato invece Roberto Gemmi, direttore sportivo del Pisa. Buone notizie anche da Perugia, dove a margine degli allenamenti individuali, calciatori e staff - divisi in due gruppi - sono risultati tutti negativi al Covid-19. "Non vogliamo perdere tempo utile, vogliamo farci trovare pronti. Vogliamo essere concentrati solo sull’obiettivo del campionato, facendoci trovare pronti per disputare un finale di stagione col coltello fra i denti", fa sapere invece Andrea Di Maso, vicepresidente dell’Ascoli. Il Venezia ha ripreso l’altro ieri al “Taliercio” con gli allenamenti in forma individuale dopo aver appurato che i sei membri di squadra e staff precedentemente infetti sono guariti e risultati negativi ai tamponi di controllo. Terzo giorno di allenamenti individuali anche per la Cremonese. Pronto a tornare in campo anche il Chievo Verona, con il direttore sportivo dei clivensi, Sergio Pellissier, che ha individuato nel 28 maggio la data della ripresa degli allenamenti collettivi in totale sicurezza, aspettando il termine ultimo fissato dalla Lega B.