E' opinione piuttosto diffusa che avere un Cristiano Lombardi in più nel motore per il finale di stagione rappresenterebbe un grosso vantaggio per la Salernitana e un danno non di poco conto per gli avversari. Del resto, nell'era Lotito-Mezzaroma, è stato uno dei calciatori che ha maggiormente impressionato al tifoseria, esaltando l'Arechi a suon di gol, assist e giocate strepitose. Non avesse avuto problemi fisici nella sua carriera, oggi sarebbe titolare in qualche squadra importante di A, categoria che sperava di riconquistare con la maglia granata anche quando, in estate, ha detto di no al Bologna e alla Sampdoria pur di ripagare l'affetto e la stima della curva e di tanta gente che lo "bombardava" di messaggi sui social sperando venisse rinnovato il prestito. Purtroppo Lombardi si è fermato ancora, sempre per una lesione muscolare e sempre a ridosso del rientro in campo. Prima della trasferta di Empoli sembrava pronto ad accomodarsi almeno in panchina, ma quando gli allenamenti sono diventati più duri ecco il riacutizzarsi del vecchio problema. All'estero sta lavorando sodo per mettere da parte tutto e ripartire con rinnovate ambizioni, ma ormai è quasi certo che l'appuntamento è rimandato al prossimo campionato sperando, ovviamente, che non sia necessario ricorrere all'intervento chirurgico. A spegnere le speranze dei tifosi e dello stesso giocatore è stato mister Castori in conferenza stampa: "Sono mesi che non lo vedo, credo sia all’estero.Il rientro? E’ una domanda che non può avere risposta, è una situazione complessa. A sessanta giorni dalla fine del campionato viene difficile immaginare possa trovare la condizione. E’ in lista perché si sperava fosse una cosa meno grave del previsto. Vediamo come si evolverà, ad oggi non ci sono miglioramenti. Non credo che sarà pronto per il finale di campionato”. Una pedina in meno in uno scacchiere tattico che avrebbe indubbiamente proposto soluzioni più offensive con Lombardi a disposizione. Un vero peccato anzitutto sul piano umano. Perchè stiamo parlando di un bravo ragazzo, di un professionista molto serio e di un giocatore che ha dimostrato quanto provenire dalla Lazio non significhi non avere a cuore le sorti del cavalluccio marino. In bocca al lupo, Cristiano!

Sezione: News / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 20:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print