Intervenuto durante la trasmissione SeiTv, il tecnico Ezio Capuano ha commentato così il cammino della Salernitana: "Sapevamo tutti che Castori non è un allenatore da tiki-taka, parlando in gergo tattico si può dire che applichi il passaggio da primo a terzo campo sfruttando l'attacco alla profondità della punta. A Carpi lo faceva benissimo con Lasagna, quest'anno esalta le caratteristiche di Tutino che è un giocatore di categoria superiore. I numeri sono tutti dalla parte dell'allenatore. Certamente uno sportivo si può divertire vedendo l'Empoli o il Venezia, ma il tifoso è contento solo quando arrivano i risultati. In fondo la Salernitana è a pochissimi punti dal primo posto e ha dimostrato di essere all'altezza delle altre. Non sta a me giudicare le scelte di formazione, sento tanto parlare di Cicerelli e di altri giocatori ma solo chi vive la quotidianità del gruppo ha la facoltà di esprimersi in merito. Mercato? Durmisi e Sy sono stranieri e hanno bisogno anche di tempo per ambientarsi, se qualcuno è andato via e ne sono arrivati altri evidentemente c'era una certa sinergia tra la società, la dirigenza, lo staff tecnico e l'atleta. Parisi? Dissi in tempi non sospetti che era un marziano, destinato ad una carriera eccezione. Non corrisponde al vero dire che la Salernitana non abbia fatto una adeguata offerta economica. Il ragazzo era attratto dalla possibilità di fare una esperienza in altre zone d'Italia, l'Empoli lo corteggiava da più tempo e oggi gente di calcio come Adani e Cassano ne parla con stima. Questa cosa mi rende fiero ed orgoglioso".

Sezione: News / Data: Lun 01 marzo 2021 alle 22:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print