Nemmeno il tempo di tirare il fiato dopo il pari con la Reggiana che per la Salernitana è già anti-vigilia di campionato. Alle porte c’è lo scontro diretto interno con la Spal in programma martedì alle ore 19, secondo impegno di un tour de force da vivere tutto d’un fiato per dare una sterzata decisa al campionato e dare consistenza ai sogni promozione. "Siamo lassù in classifica sin dall’inizio della stagione con la consapevolezza di essere noi stessi gli artefici del nostro destino". Il diktat di Fabrizio Castori non cambia anzi assume valenza di settimana in settimana, grazie ad un rendimento da grande che ha permesso alla Salernitana di ritagliarsi il ruolo di big in questa prima parte di campionato. Il ciclo di due trasferte chiuso con quattro punti ha sottolineato lo spessore di una squadra ritornata ad essere solida e quadrata in fase difensiva ma soprattutto pericolosa quando attacca, con l’amaro in bocca per l’episodio del gol di Tutino nel finale di gara con la Reggiana cancellato da una chiamata arbitrale considerata dubbia per Castori.

Sezione: News / Data: Dom 28 febbraio 2021 alle 09:00 / Fonte: La Città
Autore: Luca Esposito / Twitter: @lucesp75
Vedi letture
Print