"Spero e credo che la Salernitana risolva rapidamente e bene queste problematiche di ordine tecnico-legale. Noi stiamo lavorando per lo stadio. Il governatore De Luca anche in questa circostanza ci ha messo a disposizione fondi per fare in modo che le opere richieste vengano rapidamente realizzate, quindi noi ci predisponiamo alla nuova stagione calcistica con ottimismo e speranza". Dopo le rassicurazioni dell’assessore allo sport Angelo Caramanno, arrivano anche quelle del sindaco Vincenzo Napoli. Poche ma significative parole quelle del primo cittadino a margine della conferenza stampa di presentazione del festival Salerno Letteratura. Un ottimismo aumentato negli scorsi giorni dopo l’annuncio della Regione Campania di finanziare i lavori per mettere a norma l’Arechi dopo la promozione in serie A, i cui interventi costeranno una cifra vicina ai due milioni di euro, molti dei quali arriveranno dai soldi risparmiati in seguito alle Universiadi svoltesi nel 2019. È il 21 giugno, la data già cerchiata in rosso sul calendario entro la quale, almeno inizialmente, gli adeguamenti sul piano normativo dovevano essere messi in atto per formalizzare poi l’iscrizione al campionato, che scadrà una settimana dopo il 28 giugno. Standard infrastrutturali che sono richiesti e propedeutici alla partecipazione della Salernitana al prossimo torneo di serie A e necessari per Federcalcio e Lega di serie A.

Tra tutti gli interventi, priorità all'impianto di illuminazione, al momento al di sotto della potenza richiesta dalle istituzioni calcistiche nazionali, ma potrebbe bastare presentare tutte le pratiche necessarie proprio entro il 21, per poi partire con i lavori, che dureranno circa un mese e che potrebbero partire già entro la fine di giugno. Oltre all’impianto di illuminazione ci saranno lavori alle panchine, agli spogliatoi, ai servizi igienici, ai tornelli (per aumentare la capienza dell'impianto, che sarà ridotta almeno inizialmente con ogni probabilità al 50%), e di rimozione delle recinizioni alle spalle delle due curve. Il tutto con una convenzione d'uso da firmare tra Comune di Salerno e Salernitana , sulla quale c’è l'intesa da tempo, e che dovrebbe certificare l'accordo tra comune e società per i prossimi 5 anni, coinvolgendo anche l'utilizzo del campo Volpe, quartier generale da diverse stagioni del settore giovanile dell'ippocampo.

Sezione: News / Data: Gio 10 giugno 2021 alle 11:30
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print