Guai a cadere nelle provocazioni. Soprattutto perchè ci sono calciatori importanti in diffida alla vigilia del big match con la Spal e arbitrerà un Serra spesso ostile nei confronti dei granata. E' questo il diktat del tecnico Fabrizio Castori e del capitano Francesco Di Tacchio alla squadra durante la riunione tecnica che si è svolta pochi minuti fa. Consapevolezza di essere superiori, voglia di rispondere alle polemiche sul campo, necessità di conquistare punti per riaprire il discorso promozione diretta: è questo il filo conduttore che la Salernitana seguirà in una partita sulla carta abbordabile, ma che nasconde molte insidie per tanti motivi. Proprio Di Tacchio avrà un ruolo fondamentale: evitare che Tutino e Djuric (due che certo non si tirano indietro e che non le mandano a dire) possano eccedere in qualche atteggiamento e spingere l'arbitro ad estrarre un cartellino che sarebbe sportivamente parlando drammatico. Occorrerà tutta l'esperienza del gruppo per superare quest'esame di maturità. Peccato non avere al seguito i tifosi che, mai come questa sera, avrebbero potuto recitare un ruolo fondamentale almeno per invalidare la componente ambientale che rischia di pesare anche con le porte chiuse. Ma questi ragazzi hanno già mostrato di avere la mentalità giusta, ora è fondamentale tapparsi le orecchie e "proteggere" i giocatori più esposti da eventuali falli o provocazioni che, al netto delle dichiarazioni della vigilia, ci sono già state e - probabilmente - ci saranno.

Sezione: News / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 13:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print