Al padre, ex calciatore della Salernitana, è dedicato il principale campo d’allenamento. Lui, apprezzato professionista e persona sempre molto simpatica ed equilibrata nei suoi giudizi, ha ereditato competenza, passione e amore per i colori granata. Giovanni Volpe è opinionista fisso della trasmissione “Gol su Gol” in onda ogni lunedì su Telecolore ed è apprezzato dagli ascoltatori per la sua capacità di non essere mai banale nelle analisi. Senza peli sulla lingua, con ironia e intelligenza. Di seguito una bella riflessione dopo il dramma sfiorato ad Ascoli e che ha visto Patryk Dziczek sfortunato protagonista: “Quando ho visto quel giovane accasciarsi al suolo mi sono alzato dalla sedia e avevo lo sguardo attonito e fisso verso il televisore. Pregavo potesse rialzarsi quanto prima, ho anche guardato la foto di papà sperando potesse metterci una mano da lassù. Un qualcosa di tremendo, è necessario fare un grosso in bocca al lupo al nostro calciatore e sono convinto che presto lo rivedremo sorridente sul rettangolo verde. Vorrei aggiungere una cosa. Nella storia della Salernitana ci sono momenti che resteranno per sempre impressi nella memoria di tutti, anche delle generazioni future: se dico “Lazzaro al 94′” o “Minala al 96′” non c’è tifoso che non sappia di cosa stiamo parlando. Ecco, vorrei che allo stesso modo si rimarcasse per sempre il gesto eroico del nostro grandissimo capitano Francesco Di Tacchio. Già in passato aveva dimostrato attaccamento alla maglia, professionalità e qualità umane al di fuori del comune, oggi è entrato di diritto nella storia secolare della Salernitana e spero vivamente che la società possa rinnovargli il contratto a vita”. Non è mancato un pensiero anche sul cammino della Salernitana, con qualche battuta sul Monza di Galliani (palesemente favorito dagli arbitri) e la consapevolezza che “dobbiamo essere uniti e fiduciosi, questa squadra sta onorando la casacca e ha disputato una grande partita contro l’Ascoli. Ci sono stati arbitraggi in passato che ci hanno lasciato in eredità tante perplessità e qualche punto in meno, ma saremo protagonisti fino alla fine. Vogliamo vivere un grande sogno, non diciamo altro anche per motivi di scaramanzia. Nel frattempo, però, la vittoria più importante è la completa guarigione del nostro Dziczek”.

Sezione: News / Data: Mer 24 febbraio 2021 alle 11:00
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print