Giornata storta e avversario di un’altra categoria. Così Massimo Oddo ha spiegato il ko del suo Perugia a Benevento nello scontro diretto per il primato. “L’atteggiamento della squadra non c’entra”, ha esordito ai microfoni di Tef Channel. “La partita l’abbiamo persa sulla loro scaltrezza e malizia – ha detto il tecnico del Grifo -, poi abbiamo fatto una brutta partita anche perché il Benevento è una squadra che ti porta a giocare male calciando lungo e attaccando le seconde palle. Dispiace perché in superiorità numerica dovevamo essere più calmi. Ma nessuna tragedia”. Il perché è semplice. “Abbiamo perso contro la squadra che è la più forte di tutte le altre in B, con tutti giocatori di categoria superiore”. Per Oddo “non era in palla tutta la squadra, non è una questione di singoli”. Il tecnico, a differenza del recente passato, si è mostrato comprensivo con i grifoni. “Tecnicamente non c’è grande differenza fra le due squadre, ma per colmare il gap di esperienza e fisicità con loro dovevamo fare una gara di ritmo e qualità. Forse ci è mancata la spensieratezza e così è diventata dura”. Sette reti su nove, in campionato, sono di Iemmello e al Vigorito il Perugia è rimasto a secco. “Ma non abbiamo un problema nel creare palle gol, abbiamo un problema nel concretizzarle. Dobbiamo lavorarci”.

Sezione: News / Data: Dom 20 ottobre 2019 alle 14:30
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print