GIUBILATO: "Arechi fondamentale! Serie A, nessun problema per Lotito"

12.10.2019 13:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Luigi Gasia/TuttoLegaPro.com
GIUBILATO: "Arechi fondamentale! Serie A, nessun problema per Lotito"

Intervistato dalle redazioni di TuttoSalernitana e GranataCento nell'ambito della trasmissione "TuttoGranata" in onda su RadioMpa, il doppio ex David Giubilato (attualmente impegnato in un progetto che lo vede in veste di osservatore e talent scout a livello internazionale con l'Infinity global sports) ha rilasciato dichiarazioni molto interessanti partendo dalla sua esperienza a Salerno sia come calciatore, sia come dirigente: "Ho accettato molto volentieri perchè intravedevo un percorso molto simile a quello che avevo fatto con il Napoli precedentemente. Posso dire che quello di D è stato il campionato più difficile della mia carriera, per fortuna abbiamo vinto gettando le basi per il ritorno in campo a tutti gli effetti della Salernitana. Anche nella stagione successiva ho dato un contributo, nel 2013 ho accettato di lavorare come dirigente perchè alle spalle avevo un tandem di spessore composto da Claudio Lotito e Marco Mezzaroma. Agli occhi di chi non lo conosce può sembrare un presidente scontroso, ma c'è soltanto da imparare. Lavora 23 ore al giorno, tiene molto alla Salernitana altrimenti non si sarebbe mai tuffato in quest'avventura. E' una persona presente, aperta al dialogo. Non un padre-padrone. Quando si prefissa un obiettivo lo raggiunge, è determinato e questa sua voglia la trasmette anche a chi collabora con lui".

Si chiede a Giubilato quanto possa essere importante il fattore Arechi: "Tante volte noi addetti ai lavori ci riempiamo la bocca con dichiarazioni spesso simili, ma posso assicurarvi che a Salerno non è retorica parlare di dodicesimo uomo in campo. E' un fattore fondamentale, che fa la differenza. Lo stadio pieno è uno stimolo enorme per i calciatori, ti dà sempre quella spinta necessaria a superare i momenti di difficoltà. Ogni volta che giocavo all'Arechi da avversario sapevo benissimo che i granata avrebbero avuto una marcia in più e spesso ho perso a Salerno anche per la forza del pubblico. Fu bello regalare loro una grande soddisfazione, una doppia promozione conquistata tutti insieme. Non so perchè questa piazza non sia stabilmente in serie A, non manca nulla per l'ultimo salto. Multiproprietà? VIncere la B è un obiettivo di Lotito, non certo un problema".