Massimiliano Alvini, tecnico della Reggiana, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di SkySport: “Dooi un periodo complicato a cavallo del nuovo anno, dovuto anche ad una serie di situazioni fra i quali alcuni infortuni di troppo, stiamo viaggiando con un rendimento positivo e il merito va tutto ai giocatori. Avevamo approcciato bene alla stagione di Serie B, poi il Covid ci ha ammazzato sportivamente parlando. A differenza delle altre società abbiamo preso tutti insieme il virus, 22 calciatori e 7 elementi dello staff tecnico, con l’attività ferma completamente per 14 giorni. Quando siamo ripartiti c’è stato qualche problema. Il mercato? Dopo tutti i problemi avuti la società ha deciso di aiutare la squadra con 4-5 acquisti mirati che servivano per aiutare la squadra. Sapevo che una volta terminato un certo periodo ci saremmo ripresi, con la lotta salvezza che ci vedrà protagonisti fino all’ultima giornata. Questo è il nostro obiettivi fin dall’inizio e ora abbiamo più armi per farcela. La Serie B da esordiente? Non pensavo quando ho iniziato a fare il tecnico che avrei fatto questo percorso. Essere in B con la Reggiana è un sogno e ne sono gratificato. Partire da una formazione di Fucecchio ed arrivare in B è davvero gratificante: oggi sono in una grande società, una grande tifoseria e con un ds che è importantissimo. Voglio continuare questo percorso, cercando di migliorarmi sempre di più e in futuro mi piacerebbe fare uno step in più. Farlo con la Reggiana sarebbe ancora più bello”.

Sezione: News / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 11:00
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print