"Finalmente dopo anni ci godiamo una Salernitana  bella , cinica ,un gruppo affiatato ,ed un allenatore che in poco tempo sta costruendo una compagine competitiva, che non molla mai..ed onora la maglia.Una partenza di campionato che ci induce a sperare in una stagione diversa  dopo anni di delusioni sul campo, e soprattutto dopo queste prime 6 giornate ,la certezza che la nostra Salernitana è in grado di giocarsela alla pari con tutti I calciatori granata da quello che la televisione ci ha offerto, non potendo assistere da vicino per le norme vigenti, mostrano l’impressione di essere un gruppo vero, di aiutarsi l’un altro per un unica causa, e soprattutto, vedere i senatori che incoraggiano i più giovani a fine gara è un segnale che tutti noi da tempo attendevamo. I segnali sono incoraggianti e forse per la prima volta qualora fossimo in Alto…..a gennaio, non servirebbe  tanto per rendere più competitiva una squadra che già lo è. Purtroppo ieri non si è giocato per le vicende note a tutti e che sono diventate un caso Nazionale, causa dichiarazioni a mio parere ignobili sulla  lealtà sportiva della nostra Salernitana ,e degenerate con auguri altrettanti vergognosi all’indirizzo di una squadra e città che vive il Covid cosi come a Reggio Emilia….

Talvolta prima di parlare bisogna rileggere una massima di Confucio che mi ha colpito da sempre ed è purtroppo sempre attuale” Per una parola un uomo viene spesso giudicato saggio, per una parola viene spesso giudicato stupido.Dunque prestiamo attenzione a quello che diciamo.Questo non mi esime da fare alcune riflessioni sulla lealtà sportiva calpestata dalla" peggiore società che potessimo incontrare in questo momento”  Dichiarazioni queste riportate dai vari siti sportivi  rilasciate da un dirigente della squadra  reggiana  e ribadite con toni diversi anche dal sindaco di Reggio Emilia ,., A tal proposito l’augurio se non fosse già avvenuto, che la nostra prima Istituzione cittadina ed il consiglio comunale facciano sentire altrettanto la loro voce a tutela della squadra, della nostra città, e per i  cittadini salernitani tutti. Ricordo che la Reggiana come tutte le squadre di B hanno firmato un protocollo, sbagliato? Forse si….ma la Salernitana in questa vicenda non ha alcuna responsabilità

Forse essendo stata per detta del suo presidente la prima società falcidiata in febbraio avrebbe dovuto porre un veto a questa norma…..ma è ormai noto che  Il calcio cambia nei giudizi ,  non più per sani  equilibri e valori etici ,ma per interessi ed orti personali. Ora solo due domande alle quali risposte non ho!! Prenotare biglietti ferroviari consapevoli di non partire ed allegarli ad un ricorso è un azione seria  e leale?? Citare il terremoto per non giocare, in due città Salerno e Reggio Emila che hanno purtroppo vissuto questa tragedia è una esternazione  seria e leale? Ed infine ergere a modello di lealtà il Sig Galliani non  sembra veramente troppo??……..per chi conosce e vive il valore della  lealtà mi sembra un testimonial appropriato ( tra l’altro non si capisce la sua ingerenza in casa altrui!!!!)- Cari tifosi la Salernitana fa invidia a tanti a vari livelli ….anche a  molti moralisti locali, Oggi la via del silenzio e della galanteria non paga più…... in un calcio dove chi grida più forte spera di vincere…..Allora solo noi tifosi e tutti quelli che amano la Salernitana dobbiamo alzare il Muro della nostra passione e del nostro Amore a difesa della nostra SQUADRA , tutti uniti tifosi stampa istituzioni  siamo un onda più forte di diffamazioni e gratuite critiche, ma sopratutto di soprusi ,che sono ancora vivi sulla nostra pelle…vero sig Lealtà?….e a chi sostiene che i tre punti servissero perché venerdì abbiamo una partita difficile( altra indecorosa affermazione) dico che noi con la nostra Salernitana andiamo a giocare ovunque senza calcoli e paure….perchè siamo la Salernitana e nel bene e nel male in   101 anni di sofferenze gioie e delusioni, ahimè per la delusione  tanti sono stati sempre  101 anni LEALI. Uniamoci tutti a difesa della nostra squadra e del nostro buon nome".

Questa la nota emessa sul quotidiano La Città dal Salerno Club, in particolare dal sempre attento socio Vittorio Ruggiero che, con competenza, signorilità e compostezza ha rinfrescato un po' la memoria a chi ha provato a gettare gratuitamente fango su una delle squadre più danneggiate della storia del calcio. 

Sezione: Tifo granata / Data: Mer 04 novembre 2020 alle 22:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print