Dopo la doppia sfida vinta prima sul campo e poi nelle aule della giustizia sportiva, la Salernitana si prepara a disputare il terzo round con il Cosenza. Motivo del contendere è la trattativa per Mirko Carretta, esterno destro che i granata vorrebbero portare alla corte di Fabrizio Castori. Il calciatore, che è in scadenza di contratto con i calabresi, ha già detto sì alla società di Lotito e Mezzaroma ma non è riuscito ancora a convincere il suo club a lasciarlo partire. Il braccio di ferro è appena iniziato e potrebbe durare ancora a lungo. I rapporti tra Salernitana e Cosenza, infatti, non sono ottimi: in estate i granata, sfruttando i rapporti privilegiati con la Lazio, scipparono Casasola ai rossoblu; poi a fine novembre lo scontro si è spostato prima sul rettangolo verde e, poi, a suon di carte bollate per un presunto errore tecnico dell'arbitro. Tesi bocciata dai primi due gradi di giudizio, anche se il Cosenza è intenzionato ad andare fino in fondo. Scontro che non agevola la trattativa per Carretta e che, per il momento, frena il mercato in entrata della Salernitana. La priorità, com'è noto, è rappresentata dall'ingaggio di un terzino sinistro che Castori avrebbe voluto avere a disposizione prima del match di Empoli. Sottotraccia prosegue il corteggiamento di Pajac del Cagliari con il quale la Salernitana sta provando insistentemente a raggiungere l'intesa sia economica che contrattuale. Ma i granata tengono viva anche la pista Buongiorno, under che Castori ha allenato già a Trapani e Carpi che il Torino potrebbe lasciar partire. Ma anche in questo caso i rapporti tra Cairo e Lotito non agevolano l'operazione. Che, tuttavia, resta ancora in piedi.

Sezione: News / Data: Mer 13 gennaio 2021 alle 22:30
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print