SERIE B: ecco Crotone e Frosinone. Ricomincia l'operazione A

23.05.2020 18:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: gazzetta dello sport
I tifosi del Frosinone
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
I tifosi del Frosinone

Si riparte? Forse sì, si riparte. Con calma, ma la Serie B dovrebbe terminare sul campo, a ruota della A. Un campionato che, riguardo la promozione, ha un posto già da tempo assegnato al Benevento, mentre per il secondo lo scenario lasce pensare (inseguitori permettendo) a un lungo testa a testa tra Crotone e Frosinone, dopo il sorpasso avvenuto nell’ultimo turno di campionato. Chi tra Stroppa e Nesta accompagnerà Inzaghi in A? E chi se la giocherà ai playoff? Potrebbe diventare un tormentone: ecco come le due big si stanno preparando.

Crotone, 49 punti. Sedute di lavoro a gruppi di quattro, ben distanziati e in assoluta sicurezza da eventuali contagi. È così che il Crotone fa le prove tecniche di ripartenza in attesa che arrivi il via libera agli allenamenti collettivi. Il centro sportivo della società si è dotato anche di dispositivi per la misurazione della temperatura ai calciatori prima dell’ingresso nei campi per iniziare a lavorare. Il Crotone, come tutte le altre, ha dato l’ok alla ripartenza del campionato anche se all’interno dello spogliatoio non mancano timori per un nuovo contagio e per gli infortuni che i tanti impegni ravvicinati (con le temperature estive) potrebbero causare. "Abbiamo dato il nostro assenso alla ripartenza così come tutte le altre società ma l’augurio e la speranza è che tutto possa filare liscio" ha sottolineato il direttore generale Raffaele Vrenna. Secondo in classifica con due punti sul Frosinone, posizione guadagnata prima dello stop grazie alla vittoria a Venezia (quarto successo di fila), il Crotone in vista del ritorno in campo sicuramente non rinuncerà alle proprie caratteristiche che gli hanno consentito in questa stagione di lottare sempre per un posto di vertice. Possesso palla, manovra costante nella metà campo avversaria, profondità sulle fasce e soprattutto l’abilità nello sfruttare le palle inattive in fase offensiva. Questi i segni distintivi della squadra di Stroppa in vista della ripartenza.

Frosinone, 47 punti. L’operazione-Serie A è iniziata a spron battuto malgrado le incertezze sulla ripresa del campionato. I giocatori del Frosinone da qualche giorno sono tornati ad allenarsi con le sedute individuali e sono stati sottoposti ai vari test ed accertamenti medici. Insomma il Frosinone non perde tempo in vista dell’eventuale ritorno in campo a fine giugno. Nesta non vuole lasciare nulla d’intentato per lanciare l’assalto alla promozione diretta. La squadra anche ieri si è allenata a gruppetti alla Città dello Sport di Ferentino. Massima attenzione alle misure di distanziamento sociale e all’igiene delle strutture. Alla fine della seduta tutti a casa per la doccia. Al gruppo sono stati aggregati anche i giovani Verde, Obleac e Luciani, punti di forza della Primavera che prima dello stop era in piena corsa per i playoff. Giovedì prossimo invece inizierà la preparazione di gruppo. Si potranno disputare partitelle ed esercitazioni tattiche sempre secondo il protocollo sanitario. Nesta potrà contare su quattro pezzi da novanta che potrebbero spostare gli equilibri nella volata finale. Recuperano infatti gli attaccanti Ardemagni e Ciano e i centrocampisti Gori e Tabanelli. Tutti e quattro erano stati fermati da infortuni seri prima del lockdown del calcio. Ciano e Ardemagni portano in dote 187 gol segnati in B. E se si considera che Dionisi conta 95 gol in categoria, allora il Frosinone può veramente crederci. Non sono da meno i recuperi di Gori (sempre più vicino alla firma del rinnovo contrattuale) e Tabanelli che regaleranno al centrocampo sostanza e qualità. E’ chiaro che per tutti e quattro ci sarà l’incognità della lunga inattività. Spetterà a Nesta ed al suo staff riportarli alla forma-campionato.