Le notizie che sono arrivate da Lecce ci mettono di fronte ad un interrogativo: essere rammaricati per il mancato aggancio e sorpasso o vivere la sconfitta col Monza con minor amarezza, soprattutto perchè ora i brianzoli vorranno battere a tutti i costi l'attuale seconda forza del campionato? Un dato di fatto è certo e preoccupa in vista dei playoff: la Salernitana ha fallito quasi tutti gli scontri diretti. Ha preso sei gol dal Monza, nelle trasferte di Ferrara, Brescia, Empoli e Lecce non ha beccato palla, in casa ha pareggiato col Chievo. Senza i tre punti a tavolino con la Reggiana staremmo parlando addirittura di una squadra costretta a guardarsi alle spalle. Oggi si è capito ancor di più quanto il ds Fabiani abbia fallito il mercato di gennaio. Il Monza ha inserito D'Alessandro e Balotelli e l'ha chiusa in otto minuti, la Salernitana Schiavone e Kupisz che erano riserve nel Bari in serie C. E anche la lettura della gara non è stata ottimale, perchè inserire Cicerelli sempre a otto minuti dalla fine o abbandonare il 4-4-2 con cui erano arrivate tre vittorie di fila non ha senso. Castori, forse, dal campo avrebbe visto meglio certe cose, il vice Bocchini ha commesso degli errori e il Monza, superiore anche senza otto giocatori, ne ha approfittato. Nulla di eccezionale, chiariamo, forse il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto e pesa un rigore sacrosanto non fischiato in avvio. Ma c'erano altri 87 minuti per provare a vincerla. Riteniamo che il tempo dei bilanci sia rimandato, che la Salernitana sia ancora la favorita per il salto di categoria diretto grazie ad un calendario agevole. In teoria basterà battere il Pordenone per avere mezzo piede in A, a meno che il Lecce non faccia il colpo in Lombardia. Ma essere terzi il primo maggio era un qualcosa di impensabile a settembre. E pensare che bastava prendere una punta e un regista al posto di due terzini sinistri mai visti in campo e qualche giovane da zero presenze per giocarsela addirittura con l'Empoli...

Sezione: Editoriale / Data: Sab 01 maggio 2021 alle 23:00
Autore: Luca Esposito / Twitter: @lucesp75
Vedi letture
Print