Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Carmine Prisco, grande tifoso della Salernitana residente a Pontecagnano : "Il campionato granata, le regole del calcio e quelle della pallamano. Una grande Salernitana, tosta, solida, vogliosa di giocare al calcio sbanca lo Zini. Per almeno 30 / 40 minuti Pecchia non ci capisce molto, la sua Cremo imprecisa, imballata, riesce a costruire poco. La difesa granata con Jaro, un buon Vesely, Gyomber il solito guerriero, ammutolisce le velleità offensive dei grigiorossi. Ed il centrocampo pronto a schizzare in avanti, commovente la gara del Capitano Di Tacchio , di un grande Coulibaly, di un diligente Capezzi. E poi c è lui il gigante che fa volare o sogni dei Salernitani Milan Djuric, Kupisz indiavolato, Gondo che schizza come una molla. E quando nel secondo tempo c è da soffrire tutti tutti ad aiutarsi, a combattere su ogni pallone per regalarsi il primo obiettivo di stagione la salvezza. Complimenti mister Castori che non guarda in faccia a nessuno , che mette in campo chi può dare il massimo. E poi c è il campionato degli altri, la squadra che gioca impunita a pallamano, senza ritegno, che ha la faccia di Galliani...per la ennesima volta un arbitro generoso che non vede, cecità improvvisa, malafede? Gli indizi cominciano ad essere tanto troppi, la Salernitana però deve fare il suo campionato perché finirà questa stagione estenuante di ....ridicola pallamano. È ora di intervenire però subito contro questa macchietta di squadra che impunemente sta tra le grandi, senza merito". 

Sezione: Tifo granata / Data: Dom 07 marzo 2021 alle 16:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print