SERIE B - La Top 11 dell'ultima giornata

Modulo 3-4-3
01.08.2020 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
SERIE B - La Top 11 dell'ultima giornata

Il dado è tratto. Si chiude nell'ultimo, caldissimo, venerdì di luglio la regular season del campionato cadetto. Saranno Spezia, Pordenone, Cittadella, Chievo, Empoli e Frosinone a contendersi l'ultimo posto disponibile per accompagnare Benevento e Crotone in Serie A. In coda retrocede la Juve Stabia che segue il Livorno in C e probabilmente il Trapani. Il condizionale è d'obbligo perchè, come di consueto, parallelamente a quelle in campo si gioca la partita nelle aule dei tribunali ed in caso di restituzione dei due punti di penalizzazione, a retrocedere sarebbe clamorosamente il Pescara. Così come ha del clamoroso la discesa agli inferi dei play-out del Perugia. Chiude con l'ennesima illusione non concretizzata il suo campionato la Salernitana di Ventura. Applausi a Cosenza e al Pisa, nonostante la beffa finale che ha impedito ai nerazzurri di giocarsi una meritata post-season. Andiamo, dunque, a scoprire la Top 11 dell'ultimo turno. 

MANIERO (Cittadella): Seconda da titolare e premio di migliore in campo. Nella ripresa chiude la saracinesca all'Entella con una serie di interventi decisivi. È anche merito suo se la squadra ha trovato la forza di vincere l'incontro.

LEGITTIMO (Cosenza): Non sbaglia un colpo in difesa, affonda il tackle sempre con il tempo giusto difendendo la sua area. Con un grande intervento salva su Mallamo.

CECCARONI (Venezia): La scelta di giocare d'anticipo lo premia quasi sempre, e gli consente di tamponare sul nascere le iniziative degli umbri che gli capitano a tiro.

SALA (Virtus Entella): Avvio in sordina, ma nella ripresa è protagonista assoluto con una serie di discese alle quali i difensori non riescono a trovare contromosse. Solita attenta copertura sulle sovrapposizioni degli esterni avversari.

MORA (Spezia): Assoluto dominatore in mezzo al campo. Lotta, recupera palloni, imposta. Trova con un pizzico di fortuna il gol del pareggio e sfiora a più riprese la doppietta. Il più pericoloso dello Spezia.

GUSTAFSON (Cremonese): Due assist per Gaetano e una conclusione personale che obbliga Di Gregorio alla parata plastica. Serata ispirata per lo svedese.

TAUGOUARDEAU (Trapani): Solito lavoro in entrambe le fasi, appena può si inserisce in avanti. Trova anche il gol dell'1-0.

GARRITANO (Chievo Verona): Il deus ex machina del Chievo, che trascina la compagine gialloblu ai play-off. Dopo un paio di tentativi andati a vuoto, nel finale trafigge Fiorillo con un diagonale vincente da dentro l’area. Da buon cosentino, salva indirettamente la squadra della sua città.

CIANO (Frosinone): Cambia le sorti della partita con la sua tecnica. Freddo dal dischetto, regala ai ciociari i play-off.

PANICO (Cittadella): Doppietta fantastica per il classe '97 che impreziosisce la partita con una serie di giocate d'alta scuola e grinta da vendere. 

GAETANO (Cremonese): Due perle di pregevole realizzazione e ottima intuizione. È bravo a sfruttare il dialogo nello stretto con i compagni.