Accelera il ritmo il campionato cadetto, alle porte di un nuovo turno infrasettimanale. Intanto l'Empoli inizia a mettere una seria ipoteca sulla promozione diretta, complici i passi falsi delle più dirette avversarie. Una maestosa Reggina piega il Monza al "Granillo" mentre la Salernitana sciupa una bella occasione casalinga contro il Cosenza. Prima pagina anche per il Lecce che trascinata da un super Coda infligge un perentorio poker al Chievo. Arrancano Venezia e soprattutto Frosinone contro un mai domo Ascoli ed il redivivo Brescia. Nei bassifondi della classifica continua il grande equilibrio. Andiamo, dunque, a scoprire l'undici ideale del week-end:

LEALI (Ascoli): Salva più volte i suoi, dimostrando di meritare anche qualcosa di più della cadetteria.

MAGGIO (Lecce): Letteralmente imprendibile sulla destra dove cera scompiglio risultando decisivo con il gol del vantaggio e con l’assist per Pettinari.

CIONEK (Reggina): Ingaggia un bel duello con Balotelli, lo tiene come può grazie anche alla sua esperienza. Bene sui palloni alti.

ROMAGNOLI (Empoli): Gara perfetta. Vince ogni duello aereo e trasmette sicurezza all’intero reparto. Nel finale alza il muro e per i padroni di casa non c’è niente da fare.

BELLOMO (Reggina): Il numero 10 sulle spalle non è una scelta casuale. Nel primo tempo è uno dei più reattivi, nella ripresa confeziona un assist perfetto per Rivas.

NDOJ (Brescia): Una bella e meritata gioia per l'albanese dopo mesi complicati. Finale da sballo.

PROIA (Cittadella): Prende il tempo alla difesa avversaria con un inserimento perfetto. Il goal ciliegina su una prova di sostanza ma pure di qualità.

BAJRAMI (Empoli): Una mina vagante. Danza sul pallone e ogni volta che riceve palla, la retroguardia biancorossa trema. Sempre giocate di qualità le sue.

BAJIC (Ascoli): Davvero tanto, tanto pericoloso per tutto il tempo in cui sta in campo: il gol, poi, è da centravanti vero.

CODA (Lecce): Si conferma un vero e proprio killer d’area di rigore, con due gol di pregevole fattura che indirizzano fortemente il match.

COLOMBO (Cremonese): Colpisce un palo a sessanta secondi dal suo ingresso in campo, ma poco più tardi mette a segno il primo gol in carriera in Serie B. La panchina gli sta stretta: il segnale lanciato a Pecchia dal baby in prestito dal Milan è piuttosto chiaro.

Sezione: Serie B / Data: Dom 14 marzo 2021 alle 17:30
Autore: Davide Maddaluno / Twitter: @DavideMaddalun1
Vedi letture
Print