L'Empoli è in Serie A, la Salernitana quasi. Reggiana e Pescara si preparano a salutare la cadetteria insieme al Cosenza. A due giornate dal termine, è ormai delineato il quadro finale della regular season di Serie B. Un martedì che resterà per sempre impresso nella memoria dei supporters azzurri e granata e che non ha lesinato emozioni su tutti i campi. Oltre alla vittoria del Monza nel big match con il Lecce, da segnalare anche la rimonta del Venezia a Pisa e i fondamentali successi di Frosinone e Brescia. Andiamo, dunque, a scoprire l'undici ideale:

NICOLAS (Reggina): Para il calcio di rigore, seppur centrale, di Sabiri e compie un altro paio di interventi di pregevole fattura. Non può nulla sui due gol subiti.

BOGDAN (Salernitana): Viene preferito ad Aya e non sfigura, anzi sull’1-1 si immola per respingere al mittente gli assalti del Pordenone. Una piacevole realtà.

ROMAGNOLI (Empoli): Rientra e gioca una grande partita, conquistando l'ennesima promozione della sua carriera.

ZAMPANO (Frosinone): Domina per lunghi tratti della gara lungo la fascia di competenza rendendosi protagonista, con cross e conclusioni, di diverse azioni pericolose degli uomini di Grosso.

GAETANO (Cremonese): Partita dai due volti per il talento scuola Napoli, poco incisivo nel primo tempo e poi capace nella ripresa di firmare il pareggio con un gran gol.

BJARNASON (Brescia): Un primo tempo in ombra e di molta imprecisione in zona di rifinitura. Si riscatta con un bel gol in girata, che sblocca così il match. Ad inizio della ripresa mette in area un cioccolatino per Donnarumma, che non può sbagliare a due passi da Perina.

BARBERIS (Monza): In allenamento segnava tutte le punizioni, questa volta ha trovato la perla anche in partita. Nomen omen, il tiro da tre punti è il nome perfetto per incorniciare una parabola vincente.

CAPEZZI (Salernitana): Intelligenza tattica fuori dal comune per un calciatore che sta vivendo un’annata molto simile a quella di Crotone. Sempre nel vivo del gioco e mai fuori posizione.

TUTINO (Salernitana): Si assume la responsabilità che gli vale una carriera, non fallisce. Salerno gli è grata a vita.

DONNARUMMA (Brescia): Fa a sportellate con la retroguardia rivale. Serve l'assist per il gol Bjarnason e poi, dal dischetto, non dà scampo a Perina spiazzandolo. Nella seconda frazione firma il tris da vero rapace d'area di rigore.

MANCUSO (Empoli): Arriva a 20 gol stagionali segnando un rigore. Timbra anche l'assist per Bajrami. Uomo copertina di questa promozione.

Sezione: Serie B / Data: Mer 05 maggio 2021 alle 17:30
Autore: Davide Maddaluno / Twitter: @DavideMaddalun1
Vedi letture
Print