SERIE B - La Top 11 della trentacinquesima giornata

Modulo 3-5-2
18.07.2020 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
SERIE B - La Top 11 della trentacinquesima giornata

E' andata di scena venerdì sera la trentacinquesima giornata del campionato di Serie B. Tre, adesso, le giornate al termine. Una tornata cruciale che ha consegnato di fatto la A al Crotone e inguiato nuovamente il Trapani. Incredibile successo in rimonta della Juve Stabia contro il Chievo mentre il pari ad occhiali con la Cremonese tiene sulle spine il Perugia. Ormai al riparo da possibili sorprese negative Ascoli e Venezia. Andiamo, dunque, a scoprire la formazione ideale dell'ultimo turno, schierata con il 3-5-2:

MICAI (Salernitana): Non può nulla sulla punizione di Messias, ma compie almeno tre interventi di grande importanza che salvano il match.

DI CHIARA (Perugia):  Esordisce con una giocata da capogiro: elastico rivisitato su Mogos, che resta attonito, e spiovente perfetto per Falcinelli, che sbatte su Ravaglia. Ci riprova su punizione, facendo passare astutamente il pallone sotto la barriera, ma il numero uno della Cremo non abbocca e mette in corner. Dopo il cinquantesimo alza bandiera bianca per un guaio muscolare.

RAVANELLI (Cremonese): Tempismo e attenzione: questi i due concetti che conducono la sua serata verso un posto sicuro. Trasmette sicurezza, e contribuisce sensibilmente al clean sheet di questa sera.

MOLINARO (Venezia): L'esperienza conta, soprattutto in partite come queste dove la posta in palio è altissima. Prova impeccabile per l'ex granata, presidia la corsia mancina senza lasciare varchi per Ragusa.

BITTANTE (Cosenza): Autore di un gol fondamentale per la corsa salvezza del Cosenza: oltre alla marcatura, realizzata al 23' su assist di Casasola, da segnalare tante altre giocate di spessore da parte sua.

DEZI (Virtus Entella): Man of the match in tutti i sensi. Commette il fallo che determina il rigore per l'Empoli, ma davanti alla sua ex squadra è particolarmente ispirato in termini offensivi, realizza una doppietta e mette a tabellino anche l'assist per il 3-2 di Mancosu.

MESSIAS (Crotone): Appare scarico rispetto alle ultime gare, corre e sgomita coi difensori ma non trova quasi mai lo specchio. Pennella però nella ripresa la punizione del pareggio che vale un punto prezioso in ottica promozione.

MALLAMO (Juve Stabia): Prestazione sontuosa per il talento scuola Atalanta, che nel primo tempo è tra i pochi a creare pericoli dalle parti di Semper. Ancora meglio nella ripresa, quando firma il gol della vittoria al termine di una veloce azione orchestrata insieme a Forte. 

DIOGO PINTO (Ascoli): Prende il posto di Morosini apponendo pregevolmente la propria firma sulla rete decisiva.

SAU (Benevento): Viene spesso tra le linee per aprire gli spazi e non da punti di riferimento ai tre difensori amaranto. Segna due gol piuttosto facili nell'esecuzione ma dimostra di avere un'intelligenza tattica di categoria superiore.

MARCONI (Pisa): Manda in apprensione la difesa granata sui palloni alti, bravo a giocare di sponda sull’1-0 nerazzurro. Fa esplodere la panchina al 92’: gran gol di testa, decisivo per tre punti fondamentali in chiave play-off.