SERIE B - La Top 11 della trentaseiesima giornata

Modulo 3-4-1-2
25.07.2020 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
SERIE B - La Top 11 della trentaseiesima giornata

Meno due alla fine dell'inedita edizione della regular season 2020/21 della serie cadetta. Dopo Benevento e Livorno, arriva per il Crotone il terzo verdetto aritmetico: gli squali di Stroppa tornano in Serie A dalla porta principale dopo un sonante pokerissimo ai labronici. Dietro è continua bagarre con il Cittadella in crisi nera e la Salernitana risucchiata nella morsa da Empoli e Chievo con lo stesso Pisa sullo sfondo. In coda fanno scalpore l'ennesime vicende extracalcistiche della Juve Stabia che rischia la retrocessione diretta mentre il Trapani continua a non mollare. Il ritorno di Oddo tira il Perugia fuori dalle sabbie mobili. Andiamo, dunque, a scoprire la Top 11 del friday night schierata con il 3-4-1-2:

DI GREGORIO (Pordenone): Il Pordenone esce con un punto dal "Del Duca" grazie alla straordinaria parata del portiere sul colpo di testa di Scamacca in pieno recupero: reattività straordinaria. Ha poche colpe sulle due reti realizzate da Ninkovic.

MAZZOCCHI (Perugia): Inizia soffrendo la vivacità dei padroni di casa, ma col passare del tempo si impone come padrone della fascia destra. Suo il suggerimento per il vantaggio di Iemmello, nella ripresa avanza la sua posizione ma torna sempre a dare una mano ai compagni.

MODOLO (Venezia): Fa sentire il suo carisma di capitano e lotta su ogni pallone, andando anche oltre i compiti prettamente difensivi. Leone.

RENZETTI (Chievo): Letteralmente imprendibile sulla corsia di sinistra. Da un suo corner nasce il pareggio di Rigione ed è sempre lui a fornire a Djordjevic il pallone del definitivo 4-1.

NINKOVIC (Ascoli): E' l'uomo della provvidenza: decisivo, ancora una volta, con i suoi gol. La doppietta realizzata questa sera lo proietta a quota nove centri stagionali: legge bene il cross di Semenzato per l'1-2 mentre nell'azione del pareggio mette in luce le sue straordinarie doti con un missile da posizione defilata.

COLPANI (Trapani): L’assist per Luperini è al bacio, la mezzala di Castori è tra i migliori in campo in assoluto.

BAJRAMI (Empoli): Realizza la sua prima doppietta in carriera con la complicità di un Micai non impeccabile. Fantastico, in particolare, il primo gol, con un destro micidiale. 

CARRETTA (Cosenza): Svaria su tutto il fronte offensivo. Sblocca il risultato con un movimento da punta centrale.

CICIRETTI (Empoli): Un'autentica prodezza il suo calcio di punizione che non lascia scampo a Micai. Una spina nel fianco costante per i granata.

DI SERIO (Benevento): Un giovane centravanti con un grande maestro in panchina, il giusto allenatore per far crescere questo ragazzo. Alla seconda da titolare ringrazia Inzaghi, sfrutta l'errore di Szyminski e sigla il primo gol tra i professionisti.

SIMY (Crotone): E' lui l'uomo copertina, il trascinatore dei calabresi fino a quel secondo posto preso e mai più mollato grazie alle reti dell'aitante centravanti nigeriano. L'apoteosi a Livorno ma Stroppa gli deve un grazie grande quanto una casa per tutto il rendimento stagionale.