Spesso si è soliti nominare il campionato di Serie B con la denominazione: “Il campionato degli italiani”. Possiamo dire ciò per motivi geografici, viste le tante piazze sparse per l’Italia e rappresentate dalle rispettive squadre presenti nel campionato cadetto. Seguire la Serie B permette infatti di fare davvero un vero e proprio giro d’Italia, tra grandi e piccole città della nostra penisola. Ma oltre a ciò, il campionato di B potremmo definirlo degli italiani anche in riferimento ai calciatori. Considerando infatti le rose delle 20 partecipanti alla stagione 2020/21, possiamo osservare come ci sia un’alta quota di giocatori del nostro paese.

Sono ben 439 i calciatori italiani presenti in B, con un totale di 90.989 minuti giocati in campo da essi. Osservando le 20 rose delle compagini cadette di questa annata, possiamo notare come in nessuna squadra il numero di calciatori stranieri superi quelli italiani. Il record di giocatori del nostro paese appartiene al Pisa e al Pordenone, entrambe infatti possono contare su ben 25 italiani. A seguire troviamo poi il Vicenza e il Cittadella, con 24, e a chiudere il podio Frosinone, Pescara e Reggiana, a quota 23. Non a caso poi le squadre appena nominate, sono anche quelle con il minor numero di stranieri in rosa. In questo senso il record appartiene al Pisa e alla Cremonese, con soli 2 non italiani in squadra, e al Pordenone, al Vicenza e al Cittadella a quota 3 calciatori stranieri.

La presenza di giocatori italiani in B è molto alta, dunque, con un numero abbastanza ridotto di 167 calciatori provenienti da altri paesi. La nazione, dopo l’Italia, che porta più calciatori in B è la Polonia, con 14, seguita poi dalla Slovenia con 10. Scendendo ancora in questa speciale classifica si osserva la presenza di nazioni importanti come la Francia, l’Argentina, il Brasile, con 8 calciatori, e poi ancora Albania, Grecia e Croazia con 7. Rimanendo sui calciatori stranieri, la squadra che ne possiede di più in questo campionato di B è l’Ascoli. La compagine bianconera può vantare infatti 18 giocatori non italiani, seguita dal Chievo con 17 e poi dal Brescia e dalla Salernitana con 14. I granata possiedono davvero un equilibrio perfetto tra italiani e stranieri, con una rosa composta da 14 non italiani e altrettanti giocatori del nostro paese. Un giusto mix dunque tra calciatori nostrani e non, che in molte situazioni può rappresentare un buon vantaggio.

Dopo aver realizzato tutte queste osservazioni, quindi, possiamo affermare come la Serie B sia il campionato degli italiani davvero in tutti i sensi.

Sezione: Serie B / Data: Mer 11 novembre 2020 alle 17:00
Autore: Simone Caravano / Twitter: @CaravanoSimone
Vedi letture
Print