Prosegue a passo spedito il campionato cadetto. Dopo il turno infrasettimanale si è tornati subito in campo con un altro turno ricco di sorprese, ultima delle quali il pirotecnico pari subito in rimonta dalla Reggina nel derby calabrese senza dimenticare il blitz del Pisa nell'anticipo sul campo del Monza. Vittorie importanti per Frosinone, Lecce e Venezia mentre si risolleva il Brescia dopo l'ennesima rivoluzione tecnica. Andiamo, dunque, a scoprire l'undici ideale del week-end:

GORI (Pisa): Sempre attento, smette di urlare solo al termine del match. Guida i suoi con sicurezza, non si fa mai trovare impreparato. Para il calcio di rigore a Boateng, da quel momento si esalta ancora di più.

ARIAUDO (Frosinone): Suo il lancio lungo dalle retrovie dal quale scaturisce la punizione del vantaggio e pure la rete del raddoppio. Gran chiusura per rimediare a una leggerezza di Szyminski.

CHANCELLOR (Brescia): Prova estremamente solida da parte sua. Quando arriva qualche pallone in area, tende a spazzare via senza badare troppo all’estetica.

VICARI (Spal): Il migliore della retroguardia spallina e più in generale dell’intera formazione di Marino, per via di alcuni ottimi recuperi che limitano il passivo.

MAIELLO (Frosinone): Sblocca il risultato con una genialata su calcio di punizione e calcia l’angolo del 2-0. Cerca sempre di verticalizzare il gioco.

FOLORUNSHO (Reggina): E' l'uomo più in forma della Reggina, lo dimostra anche nel derby. Si guadagna praticamente subito il calcio di rigore poi realizzato da Menez, ci mette la firma per il momentaneo doppio vantaggio.

SCHENETTI (Virtus Entella): Lascia il segno con le sue giocate. Riapre la partita propiziando l’autorete di Curado e firma il pareggio con una esecuzione perfetta su calcio di punizione.

ARAMU (Venezia): Pericoloso tra le linee del Pescara che fa molta fatica a stargli dietro, due conclusioni molto interessanti che potevano portare ad una rete.

PALOMBI (Pisa): Due gol nel giro di cinque minuti, spacca in due la gara e regala tre punti ai nerazzurri. È il punto di riferimento offensivo di un Pisa che può dire la sua.

RODRIGUEZ (Lecce): Ribalta la partita con due giocate: propizia l’autorete del pareggio con il suo tiro cross e nella ripresa raddoppia con freddezza.

BERETTA (Cittadella): Un gol segnato, altri due evitati da Perisan e partita da attaccante vero a tutto campo. Si butta su ogni pallone vagante a ridosso dell'area di rigore avversaria, i difensori non riescono mai a prendergli le misure.

Sezione: Serie B / Data: Mar 16 febbraio 2021 alle 17:30
Autore: Davide Maddaluno / Twitter: @DavideMaddalun1
Vedi letture
Print