Che finale di campionato. E soprattutto che Salernitana visto che la squadra granata dopo il sorpasso al Lecce, con due punti di vantaggio sugli stessi salentini e il Monza a 180 minuti dal termine della stagione regolare ha la grande possibilità di agguantare la serie A da seconda. Non diciamo ancora niente per scaramanzia ma la partita contro l'Empoli, l'ultima della stagione all'Arechi e la successiva a Pescara possono essere determinanti per tramutare in realtà un sogno che ad inizio stagione sembrava molto lontano. E' bastata una squadra solida, con calciatori di grande duttilità ed un tecnico esperto per questo campionato di serie B per cambiare quelle che erano le gerarchie di un torneo cadetto che, sulla carta, vedeva altre compagini favorite nella corsa ai due posti. Certo la già consacrazione dell'Empoli che ha tagliato il traguardo per la serie A era un fatto acquisito. E tutto ruotava (ruota) nelle ultime due gare stagionali che le inseguitrici Monza e Lecce che annaspano alle spalle dei granata. Soprattutto il Lecce che è reduce da tre sconfitte consecutive e alla luce di tutto ciò pensa già, probabilmente, ai play off per la terza piazza. Lo stesso non dicasi per il Monza che spera ancora di colmare il gap di due punti dalla Salernitana affrontando il Cosenza nella penultima giornata e il Brescia nell'ultima della stagione. La Salernitana è arbitra del proprio destino. E' inutile girarci intorno. Con sei punti si va in serie A e si devono vincere queste ultime due gare. E la squadra granata contro Empoli e Pescara potrebbe scrivere, anzi riscrivere una storia eccezionale che ci ha lasciato indietro di 23 anni. Si perchè tanti ne sono trascorsi dall'ultima serie A arrivata e poi sfuggita dopo un solo anno. Ed i meriti, ora, in attesa del grande traguardo vanno a questa società, al management, ai calciatori, a Fabrizio Castori un tecnico che in simbiosi con la società ha formato una squadra di ottimi calciatori di categoria che hanno dimostrato di avere a cuore le sorti di una città, di una tifoseria che aspetterà per esplodere, covid 19 permettendo, la gara di Pescara di lunedì pomeriggio anche se il perchè no? potrebbe anche arrivare dopo la partita contro l'Empoli con un orecchio alla radiolina aspettando con trepidazione i risultati del Lecce e del Monza....

Sezione: Editoriale / Data: Gio 06 maggio 2021 alle 11:41
Autore: Enzo Sica
Vedi letture
Print