Il tecnico azzurro Alessio Dionisi ha parlato alla vigilia della sfida contro la Salernitana. Queste le sue parole: "Ci stiamo rendendo conto, mi sono reso conto, di quello che abbiamo fatto. Però adesso basta con i complimenti, dobbiamo soltanto pensare alla partita di domani e a quella con il Lecce. Ieri abbiamo ricaricato le pile, perché dopo la gara con il Cosenza abbiamo festeggiato tanto. Oggi, invece, abbiamo fatto un allenamento giusto, vogliamo andare a Salerno a fare la partita, perché non vogliamo pensare agli altri e meritiamo di finire questo cammino con delle prestazioni importanti. 

Domani non devo fare una formazione soltanto per dare spazio a chi ha giocato di meno. Comunque rispetto all'impegno di martedì qualche cambio ci sarà, perché veniamo da tre partite in dieci giorni, una in più rispetto alle altre a causa del recupero. Questo, però, significa che non stravolgeremo la formazione, scenderà in campo l'undici migliore. Sono consapevole che le motivazioni della Salernitana potrebbero superare le nostre. Dico potrebbero perché mi piace pensare che quello che abbiamo fatto finora non lo accettiamo e non ci può bastare. Ho chiesto alla squadra di porsi un altro obiettivo: quello di fare più punti possibili. Non posso tirare troppo la corda, ma io pretendo il massimo. Abbiamo fatto qualcosa di straordinario e difficile però ora non dobbiamo mollare. 

E' stato bello l'abbraccio della città e dei tifosi. Ci è mancato il pubblico, non possono nasconderlo: spero che ci saranno vicini, da vicino, con il Lecce. Nell'ultima partita abbiamo cominciato un po' contratti però ci poteva stare. Ma è finita nel modo migliore. Sono felice per i miei ragazzi perché si sono goduti la festa, il raggiungimento della Serie A, con una vittoria. Domani dopo la partita non si parlerà dell'Empoli primo, ma del risultato della Salernitana, del Monza e del Lecce. 

La Salernitana è una squadra forte e ha la qualità per batterci. Non sicuro che Mancuso giocherà: Leonardo ha fatto bene perché ha giocato per la squadra e di conseguenza la squadra ha messo nelle condizioni Leo di fare bene. Non voglio vedere nessuno che gioca per uno. La Salernitana è la favorita per la promozione diretta? Per adesso sì, è seconda ed ha un piccolo vantaggio. Per i play-off non so dirvi. Mi scuso con tutte le persone a cui non ho risposto, ma lo farò. Chi ha inciso tanto nel percorso da allenatore è Simone Di Battista, che è quello che mi ha dato la possibilità di cominciare". 

Sezione: News / Data: Gio 06 maggio 2021 alle 14:47
Autore: Orlando Aita / Twitter: @OrlandoAita1992
Vedi letture
Print