Prima per rendimento casalingo con 13 punti conquistati sui 15 disponibili, la Salernitana proverà a migliorare anche in trasferta. Lontano dall’Arechi, infatti, i granata hanno finora ottenuto solo 4 punti in 3 partite. Dopo aver iniziato alla grande con il blitz in casa del Chievo Verona, infatti, il team di Castori ha pareggiato a Vicenza per poi uscire sconfitto dallo scontro ad alta quota sul campo della Spal. Il bilancio, dunque, recita una vittoria, un pareggio ed una sconfitta con 3 gol fatti e 4 subiti. Per cercare di mantenere la vetta della classifica, Di Tacchio e soci dovranno dunque cercare di fare bene al San Vito, in casa del Cosenza. Anche i silani giocheranno col 3-5-2 ma questo aspetto, come ha spiegato in conferenza stampa, non preoccupa mister Castori. A suo giudizio, infatti, anche giocando con il 4-4-2 la squadra può evitare di perdere la supremazia territoriale in mediana. Molto, però, dipende dall’atteggiamento complessivo della squadra, che deve appoggiare la manovra offensiva e che deve interpretare col giusto piglio la fase difensiva. Per quanto riguarda gli interpreti, non ci dovrebbero essere particolari novità in difesa. A guardia della porta di Belec giocheranno ancora l’ex di turno Casasola (entrato in diffida), Aya, Gyomber e Lopez. Kupisz è in odore di riconferma a destra, mentre a sinistra Cicerelli potrebbe essere preferito ad Anderson. In mezzo al campo, al fianco di capitan Di Tacchio potrebbe essere rispolverato Schiavone, visto che né Dziczek né Capezzi sono parsi in grande spolvero. In avanti, sarà riproposta la coppia composta da Djuric e Tutino, altro ex di turno intenzionato a farsi rimpiangere da quelli che erano i suoi tifosi.

Sezione: News / Data: Ven 27 novembre 2020 alle 22:30 / Fonte: Salernonotizie
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print