SALERNITANA: Vincere aiuta a vincere

20.11.2020 21:30 di Francesco Marra Cutrupi Twitter:    Vedi letture
SALERNITANA: Vincere aiuta a vincere
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com

Sta per terminare la sosta per le nazionali. Stasera infatti, l’anticipo tra Frosinone e Cosenza alle ore 21.00 allo stadio Benito Stirpe, darà il via all’ottava giornata del campionato di Serie B. La sosta è stata provvidenziale per la Salernitana, la squadra era acciaccata e queste due settimane sono servite a Castori per recuperare atleticamente i lungodegenti dell’infermeria e recuperare appieno Andrè Anderson, linfa vitale per il centrocampo granata. Ma i granata hanno portato anche a casa tre punti fondamentali a bocce ferme, grazie alla sanzione del giudice sportivo in merito al match non disputato contro la Reggiana per la mancata presentazione degli emiliani. La vittoria, seppure a tavolino, vale a dire tre punti in più in saccoccia che sicuramente portano la squadra al match di lunedì sera, nel posticipo contro la Cremonese con un umore sicuramente diverso. I granata sono ora al secondo posto a pari merito con il Chievo, scontro diretto a favore però della squadra di Castori frutto del 1-2 esterno al Bentegodi di un mese e mezzo fa.  Tutino e compagni sono carichi, la squadra ha lavorato bene in queste due settimane ed è pronta a confermare quanto di buono visto in questa prima parte di stagione: ringalluzzita dalle ottime prestazioni dei suoi nazionali, come ad esempio Vid Belec che ha ritrovato la titolarità nella sua Slovenia garantendo anche ampie sicurezze tra i pali. Non lascino ingannare le ultime due sconfitte prima della sosta, in Coppa Italia contro la Samp dove comunque la Salernitana aveva tenuto botta a cospetto di una squadra di categoria maggiore e con un potenziale tecnico e atletico di gran lunga superiore; ma anche la sconfitta esterna contro una Spal che ha in squadra uomini rodati che giocano assieme da un bel pò e che neanche troppo tempo fa calcavano i prati verdi della Serie A. Col tempo la squadra di Castori acquisirà quell’amalgama e quella maturità necessaria a far diventare l’Arechi un fortino e anche a diventare corsara nelle gare esterne.