Torna in campo la serie cadetta dopo la brevissima pausa d'inizio anno, costellata comunque dal vittorioso recupero del Cittadella. Prima pagina per l'Empoli che annichilisce la Salernitana dopo l'ottima prova in Coppa Italia contro il Napoli e si proietta ad un futuro da assoluto protagonista. Bene anche Spal ed il succitato Cittadella mentre il Monza non va oltre il pari contro un coriaceo Cosenza. Vince e convince il Chievo trascinato da super Ciciretti mentre il Brescia risente dell'addio di Torregrossa e cola a picco con il Pisa. In coda perdono tutte o quasi, periodo no per il Venezia. Andiamo, dunque, a scoprire l'undici ideale del week-end:

PERISAN (Pordenone): Sul successo dei ramarri sono ben impressi i suoi guantoni, per diversi ottimi interventi distribuiti per tutto l’arco della gara. Nel primo tempo si oppone a Forte, mentre nella ripresa su supera sul colpo di testa di Johnsen.

RANIERI (Spal): Quanto sta crescendo questo ragazzo! E pensare che, senza le contestazioni dei tifosi, oggi giocherebbe nella Salernitana. Uno strano scherzo del destino, però, gli ha fatto incrociare le strade con la Spal e sta giganteggiando dalla prima partita. Di testa o in anticipo non fa differenza: lui c’è sempre.

CAMPORESE (Pordenone): Prestazione gladiatoria del centrale neroverde, che si fa rispettare nel duello con un avversario insidioso come Forte. Tante ottime chiusure, tra cui quella ad anticipare Esposito nel finale.

LISI (Pisa): Insolitamente a destra, fa arrabbiare D’Angelo per i troppi spazi concessi sul suo lato ma salva un gol sulla linea e firma la rete che vale i tre punti.

CICIRETTI (Chievo Verona): Prestazione sontuosa da parte dell’ex Empoli, inizialmente utile in fase di costruzione della manovra. Si scatena ad inizio secondo tempo, firmando il vantaggio con un gran sinistro da fuori e dando il là all’azione del raddoppio.

VALOTI (Spal): Partita super del fantasista estense, imprendibile per tutti i difensori avversari. La sblocca con un inserimento perfetto su palla inattiva, sfiora a ripetizione il raddoppio.

RICCI (Empoli): Anche per lui primo gol in carriera, una magia che consente di indirizzare subito la partita sul binario giusto. Devastante, avrebbe meritato anche la doppietta ma Belec compie due miracoli.

TREMOLADA (Cosenza): Rivolta la partita portando la necessaria dote di classe e fantasia sulla trequarti. Impiega 22' a bagnare con il gol l'esordio con la maglia dei Lupi.

MANCUSO (Empoli):  Come il toro quando vede il rosso. Contro la Salernitana segna sempre. E solo Belec e la traversa gli negano la doppietta. Fenomeno.

SIBILLI (Pisa): Sa fare bene tante cose, stavolta brilla in rifinitura. Disegna un gran cross dal quale scaturisce il gol di Lisi. Poi assiste due volte Marconi.

STEPINSKI (Lecce): Una sola occasione nel corso di tutta la sfida e capitalizza al massimo, colpo di tacco anche sporcato da Delprato. Un gol pesante e soprattutto si sblocca il polacco

Sezione: Serie B / Data: Mar 19 gennaio 2021 alle 17:30
Autore: Davide Maddaluno / Twitter: @DavideMaddalun1
Vedi letture
Print