ESCLUSIVA TS - Fabiani: "Guai a cadere nel tranello, lo Spezia vuole vincere a Salerno"

31.07.2020 13:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di CeC-comunication
ESCLUSIVA TS - Fabiani: "Guai a cadere nel tranello, lo Spezia vuole vincere a Salerno"

Intervistato in esclusiva dalla redazione di TuttoSalernitana a poche ore dalla partita di stasera contro lo Spezia, il direttore sportivo Angelo Fabiani ha fatto un'analisi a 360° toccando diversi argomenti di strettissima attualità. Ecco le sue dichiarazioni:

Che sensazioni prova alla vigilia di questo match da dentro o fuori?

“Ci aspetta una partita delicata, non dobbiamo fidarci di chi scrive che sarà uno Spezia rimaneggiato. La loro rosa è composta da calciatori di caratura, hanno tutto l’interesse a difendere il terzo posto e servirà una Salernitana concentrata dal riscaldamento fino al 95’. Nel gruppo si respira un’aria piuttosto positiva, una sorta di “notte prima degli esami”. E’ una gara che si carica da sola, non c’è nemmeno bisogno di gettare benzina sul fuoco Il mister ha convocato tutti, c'è anche Alessio Cerci. Speriamo, tra qualche ora, di poter gioire: sarebbe un piccolo traguardo, l'appetito vien mangiando e vedremo cosa accadrà nel mini-torneo dei playoff”.

Come spiega i tanti risultati a sorpresa di questo periodo? L'Empoli fa 4 gol a Salerno e poi ne prende 9 in casa tra Entella e Cosenza...

"Dopo il lockdown sono saltati equilibri e meccanismi. Alcune squadre che erano in coda hanno ottenuto risultati straordinari, chi invece si trovava in vetta è incappato in passi falsi clamorosi. Stasera ci sono un sacco di incroci, la classifica dice che la serie B va sempre vissuta fino alla fine e non c’è mai nulla di scontato. Non pensiate sia semplice allenarsi tutti i giorni con temperature altissime e giocare tre gare in una settimana in piena estate. Sono aspetti che andrebbero sottolineati di più".

Qualche critica a Ventura per la gestione dei cambi a Trieste. E' d'accordo?

“Ho trovato di cattivo gusto alcuni titoli di giornale, oserei dire vergognoso. Ci vorrebbe un minimo di educazione, a volte vengono a mancare proprio le basi del vivere civile. Vorrei ricordare a tutti questi personaggi che la Salernitana ha fatto un buon campionato, partendo dal secondo gruppo più giovane del campionato composto anche da calciatori semi-sconosciuti e che oggi sono stati addirittura convocati in Nazionale. C’è chi lavora dalla mattina alla sera per portare risultati, chi pensa di essere depositario di verità perché ha la penna piuttosto che una tastiera. Si chiedano se sono capaci di fare il loro mestiere. Resterà? Non è la sede nè il momento per parlare di queste cose, dico solo che abbiamo iniziato un percorso ed è nell'interesse di tutti portarlo avanti”.

C'è chi dice che le squadre d'alta classifica esprimano un calcio di livello....

“Non vedo questo grande gioco delle dirette concorrenti, la Salernitana ha pagato quasi sempre errori individuali. Non sto nemmeno qui a ricordare quello che è accaduto la settimana scorsa contro l’Empoli. Se abbiamo ancora la possibilità di centrare i playoff vuol dire che abbiamo lavorato bene, ora tocca a noi capire se saranno lacrime di gioia o di amarezza. Il destino dipende da noi, credo sia bello vivere l’attesa del match con la giusta dose di emozione e concentrazione”.

Italiano farà ampio turnover: pretattica?

“Non bisogna fare disinformazione, i calciatori che ha convocato mister Italiano sono di primissima fascia. Non contribuiamo a diffondere stupidaggini. Cerchiamo di raccontare le come stanno, altrimenti facciamo autogol. Vi posso garantire che lo Spezia ha tutto l’interesse a chiudere il campionato al terzo posto, giocatori che fino a questo momento hanno trovato poco spazio faranno la partita della vita. La lezione dell’anno scorso contro il Cosenza è ancora ben chiara nella nostra mente. A noi tocca fare una gara di alto livello per portare a casa i playoff. Le defezioni dello Spezia sono di lungo corso, vedi Galabinov. Hanno dimostrato di saper vincere anche senza un attaccante di questo livello. Il terzo posto comporta grossi vantaggi, non è vero che finire quarti è lo stesso: chi scrive ciò non ha ben capito come funzionino i regolamenti”.

Non tutti i social e gli organi di informazione hanno sostenuto la Salernitana in questi giorni in cui bisognava essere uniti...

“Molti anni fa c’era uno spareggio tra Salernitana e Cosenza, si giocava a Pescara. Un giornale scrisse “GOL” nel titolo il giorno prima della partita, alla fine la Salernitana è retrocessa. Abbiamo capito perfettamente chi vuole bene alla  squadra e chi rema contro “per qualche dollaro in più”, per citare un famoso film. Ognuno è libero di fare quello che vuole, un personaggio pubblico accetta i fischi così come gli applausi. Siamo persone serie, rappresentiamo una città e una tifoseria di grande livello e non possiamo farci intaccare da questi personaggi che popolano i social. Non fanno nemmeno più notizia, un qualunquismo che non conta nulla”.

Oggi una bella iniziativa sociale per sostenere bambini affetti da gravi patologie...

“Siamo felici di mettere in campo questa iniziativa, ci è sembrato giusto rispondere alla chiamata del Santo Padre mettendo sulla maglia un logo che aiuti a ricordare e a riflettere. Purtroppo ogni giorno ci sono tanti bambini che soffrono, sono questi i veri problemi della vita. Va detto che quest’anno ci sono state molte iniziative, anche legate al centenario. I tifosi lo hanno apprezzato, ci chiedono la ristampa e la risposta nel nostro store ufficiale è stata entusiasmante. Questo entusiasmo ci dà la forza necessaria, in campo scenderemo soprattutto per loro”.

Che pensa della designazione arbitrale?

"Preferisco parlare di calcio, dobbiamo essere più forti di tutto e di tutti. E' innegabile che, specialmente a inizio stagione, alcuni errori anche clamorosi ci hanno tolto 7-8 punti".

Infine un messaggio ai tifosi che, pur con le porte chiuse, vi hanno mostrato sostegno e affetto:

"Non ci meravigliamo, conosciamo il potenziale dei veri tifosi della Salernitana. Non averli allo stadio è un dispiacere, sappiamo quanto stiano soffrendo. Poteva essere una componente fondamentale. Ma state certi che daremo battaglia soprattutto per voi".