È giorno di vigilia in casa Salernitana. Ed è tangibile come, nell’aria e sui social, ci sia quasi una paura matta di giocare, perché le ultime uscite sono state una sofferenza, un’agonia vera e propria. Ma questo non deve assolutamente coinvolgere la squadra, è il momento di stringersi, fare quadrato e trovare il modo giusto per uscire dalla crisi. Parola d’ordine: COMPATTEZZA. Si, in certi momenti, il farsi forza l’uno con  l’altro è l’unico modo per andare avanti, specie se nelle ultime gare si sono presi 10 goal senza nemmeno timbrarne uno. Domani pomeriggio alle ore 16.00, allo stadio Arechi arriva il Pescara. Gli abruzzesi sono in netta difficoltà di classifica, ma con il mercato di gennaio contano di risalire la china e ottenere la salvezza, trovata per un pelo nella passata stagione nella finale playout contro il Perugia vinta ai rigori. Tra le fila del Delfino, un grande ex della gara, Fabio Maistro. Io classe 1998, era a Salerno nella passata stagione dove registrò  ben 33 presenze in campionato e siglò 2 reti. Di proprietà della Lazio, in estate ceduto in prestito al Pescara, con gli abruzzesi ha messo a segno 3 reti in 15 presenze, indice del fatto di come sia al centro del gioco del Delfino e pronto a far male alla sua ex squadra. Molti ex compagni lo conoscono, toccherà loro arginarlo e ottenere il primo successo del 2021.

Sezione: News / Data: Ven 22 gennaio 2021 alle 21:30
Autore: Francesco Marra Cutrupi / Twitter: @Fmarracutrupi_
Vedi letture
Print