PAGELLE: non si salva nessuno, il gruppo era già con la mente in vacanza

01.08.2020 00:16 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
PAGELLE: non si salva nessuno, il gruppo era già con la mente in vacanza
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Carlo Giacomazza/Tuttosaleritana.com

Vannucchi 6: non ha responsabilità sulle due marcature, anzi in avvio respinge subito un tentativo pericoloso di Maggiore opponendosi di pugno. Prodigioso su Mora e attento nelle uscite.

Cicerelli 6: per impegno e abnegazione meriterebbe 10, perde purtroppo il pallone che spiana la strada allo Spezia per la rete del raddoppio che fa calare il sipario su una notte già nerissima. Se, però, il miglior esterno d'attacco della rosa si ritrova a fare il terzino destro...

Migliorini 3: si vede subito che non è in giornata. Distratto, confuso, sempre in ritardo. La combina grossa sulla rete del pareggio dello Spezia, quando cammina da solo per 30 secondi nella sua area di rigore per poi servire un assist perfetto...all'avversario.

Jaroszynski 4,5: anche per lui non è stata una gran serata, soltanto una chiusura degna di nota. Con l'addio di Ventura sarà quasi certamente lasciato al Genoa.

Lopez 4,5: in grande difficoltà per tutta la serata, viene a mancare anche la solita "garra" che ci aspettavamo in una partita determinante come questa. Troppo morbido in marcatura.

Di Tacchio 6: parte alla grande, con alcuni recuperi sontuosi. E' l'unico a combattere a centrocampo, ma il giallo lo condiziona e progressivamente si spegne. Solo Ventura non si accorge che era esausto.

Akpa Akpro 5,5: qualche grande guizzo alternato ad errori in marcatura a cui non eravamo abituati. Resta uno dei calciatori da riconfermare in vista della prossima stagione.

Maistro 3: è vero che gioca fuori ruolo, ma combina disastri da subito. Lento, impacciato, sempre in ritardo, mai pronto in fase di non possesso, ha anche l'occasione per raddoppiare ma se la divora. L'espulsione chiude forse definitivamente la sua esperienza a Salerno.

Kiyine 3: una partita pessima di un calciatore forse troppo convinto di essere già da serie A, ma che oggi faceva fatica a saltare qualunque avversario. Paradossalmente il secondo miglior marcatore della squadra finisce nell'elenco de bocciati.

Gondo 6: quarto gol di fila all'Arechi, sesto stagionale. Stavolta anche di pregevole fattura. Non è bastato.

Djuric 4,5: il mister ha detto che ha giocato con un'infiltrazione, a quel punto non aveva proprio senso gettarlo nella mischia. Costantemente anticipato.

Curcio 5: entra e Nzola lo salta tre volte su tre, almeno scodella qualche cross decente.

Aya 5,5: un grande salvataggio rimanda di qualche minuto la rete dell'1-2. 

Dziczek 5,5: entra benino e ci mette almeno un po' di grinta.

Karo sv

Giannetti sv

Ventura 3: Italia, Chievo, Salerno. Tre fallimenti di fila, conferma che forse si potrebbe anche pensare di appendere la lavagnetta al chiodo. Le parole in sala stampa non convincono: da un allenatore come lui ci si aspetta che una squadra forte si qualifichi ai playoff. A conti fatti non ha dato nulla più dei suoi predecessori più "massacrati" mediaticamente. Formazione sbagliata, troppi giocatori fuori ruolo, Cicerelli gestito come peggio non poteva e la fotografia finale di un campo abbandonato senza nemmeno battere il cinque con panchinari che erano ormai mentalmente rassegnati dal riscaldamento.