Devi rialzarti subito, Salernitana! E' un invito perentorio quello che la tifoseria granata fa alla squadra dopo il brutto K.O: di Empoli. Una sconfitta già metabolizzata, crediamo, da tutto l'entourage anche perchè una serata storta può capitare a chiunque. Ma è chiaro che le aspettative erano ben altre prima del capitombolo in terra Toscana. E la bella corsa a due proprio con la squadra di Dionisi, che prima della gara di domenica sera aveva tre punti in più dei granata in testa alla classifica si è infranta per la brutta prestazione al Castellani con i toscani che hanno preso il largo sia sulla Salernitana che sulle altre squadre, Cittadella e Spal alle sue.... spalle.

Il titolo di campione d'inverno, visto che manca una sola gara alla fine del girone di andata, sarà proprio dell'Empoli che ha dimostrato di avere i numeri per puntare in alto. Non si può dire altrettanto della Salernitana che con la terza sconfitta consecutiva rimediata, dieci gol incassati, neppure uno realizzato, viene risucchiata al quinto posto.

Quello che emerge di più dopo questa sconfitta (la prima più roboante della gestione Lotito - Mezzaroma) è la paura che ha avuto la squadra in campo al cospetto dell'Empoli. Non doveva essere così ma è chiaro che una certa sudditanza anche psicologica è prevalsa nel corso del primo tempo chiusosi con un mortificante, per i granata salernitani, 4 a 0 per i padroni di casa, L'Empoli, che certamente è una squadra di grande levatura, ha evidenziato quel passo in più che gli sta facendo acquisire punti importanti in vista del girone di ritorno.

Ma la Salernitana ha l'obbligo di cancellare questa quinta sconfitta stagionale, forse la più cocente dopo lo stop interno contro il Pordenone. Squadra che attraverso il tecnico Bocchini (in panchina ad Empoli al posto dello squalificato Castori) si è scusata con i tifosi per la prestazione negativa. Ed è stato un bel segnale anche in vista dei prossimi impegni. E quello contro il Pescara sabato pomeriggio all'Arechi sarà ancor più indicativo per poter iniziare con il piede giusto il girone di ritorno. Anche con l'arrivo, si spera, di quei rinforzi che la società ha promesso al tecnico Castori proprio per migliorare un assetto già buono ma che con qualche ritocco potrebbe davvero continuare a far sognare la sua eccezionale tifoseria fino al termine della stagione. 

Sezione: Editoriale / Data: Mer 20 gennaio 2021 alle 10:14
Autore: Enzo Sica
Vedi letture
Print